Mesedicembre 2017

I tablet industriali e i vari settori aziendali

tablet industriali

Nell’era moderna, abbiamo sempre più bisogno di dispositivi tecnologici e una connessione ad internet ultra veloce per svolgere i normali compiti domestici ma soprattutto per espletare complicate mansioni nel vari settori dell’industria. Sia nell’uno sia nell’altro caso occorrono tablet, smartphone e palmari ad elevate prestazioni con specifiche caratteristiche e funzioni. Sicuramente, nei vari comparti aziendali i normali tablet che siamo soliti utilizzare quotidianamente sono fin troppo delicati e poco robusti per essere impiegati in determinati ambienti lavorativi in cui lo sporco, l’umidità, l’acqua e le continue variazioni di temperatura potrebbero danneggiarli gravemente.

Ad ogni modo, per questi particolari “habitat lavorativi” sono necessari dispositivi rugged ad-hoc con design, forme e funzioni particolari. Chi progetta e commercializza questa tipologia di apparecchiature elettroniche, come www.ruggtek.it conosce bene gli usi e i bisogni dell’utenza professionale ed è per questo che provvede ad equipaggiare i propri dispositivi rugged, come tablet industriali, PC e palmari, con adeguate protezioni IP e con sistemi operativi altamente performanti tra i più diffusi sul mercato. RUGGtek, sul proprio sito online, offre una fornitura rugged completa assicurando, allo stesso tempo, affidabilità, precisone e resistenza dei propri apparecchi.

Perché prediligere l’acquisto di apparecchi rugged a quelli classici

I palmari e i tablet industriali proposti da RUGGtek hanno un prezzo superiore rispetto a quelli normali per ovvie ragioni. Innanzitutto, un tablet industriale RUGGtek è disponibile in diversi formati a partire da 6” pollici fino ad arrivare a dimensioni più importanti, con l’aggiunta di eventuali optional. Rispetto a quelli tradizionali, i tablet industriali possono essere usati sia mediante tecnologia touch-screen sia mediante l’ausilio di un pennino o trackpad nel caso si verifichino dei problemi tecnici. Inoltre, è possibile dotare questi tablet industriali di eventuali accessori aggiuntivi per fissarli su macchinari, pareti e autoarticolati, o dotarli di periferiche come tastiere e mouse per trasformarli in vere e proprie postazioni fisse per lavori di una certa durata. Gli usi di questi dispositivi rugged sono consigliati per tutti quei settori aziendali difficili e abbastanza angusti e, essendo dotati di software e parte hardware molto resistente, si possono rivelare utili anche in campo militare. Nonostante la tecnologia e le prestazioni risultino pressoché identiche rispetto ai normali tablet, quelli industriali differiscono per forma e dimensione, più massiccia e più grande, per garantire una più efficace visibilità.

Quali servizi offre RUGGtek

Tutte le apparecchiature rugged prodotte dall’azienda rispettano rigidi standard di protezione, oltre ad aver superato una serie di test costruttivi prima di essere immessi sul mercato. Le applicazioni, solitamente, si svolgono in contesti particolari, inadatti per tutti gli altri dispositivi tradizionali soggetti a facili rotture. I PC, i palmari e i tablet industriali RUGGtek sono prodotti mediante tecniche di costruzione altamente performanti che consentono di aumentare il loro grado di resistenza in ambienti ostili, come caldo, deserto, nebbia, pioggia e sollecitazioni di lunga durata. Inoltre, in caso di guasti gravi, si può sempre fare affidamento su un efficiente servizio di assistenza tecnica in grado di risolvere nel minor tempo possibile qualsiasi genere di problema con la temporanea sostituzione dei prodotti.

Adamex: tra moda e artigianalità

Adamex: tra moda e artigianalità

La maggior parte delle aziende costruttrici specializzate nella progettazione di carrozzine e passeggini trio, come www.adamex.it presta particolare cura e attenzione ai materiali e al gusto per la sartorialità senza rinunciare all’originalità. Ed ecco che il risultato finale si traduce in prodotti di eccellente fattura dove ogni dettaglio fa la differenza. Ad esempio, Adamex propone intere collezioni di sistemi modulari con rivestimenti in tessuti molto ricercati o in ecopelle per conferire quel tocco di eleganza che non guasta mai.

Chi opta per l’acquisto di questa categoria di prodotti fa una scelta intelligente e mirata, con lo scopo di semplificarsi la vita. Infatti, i passeggini trio sono dotati di carrozzina, utile per il primo semestre del neonato, di un pratico passeggino, che accompagna il bebè fino ai 3 anni di età, e di un ovetto omologato per auto, che si rivela molto pratico per le prime passeggiate del bebè in auto.

Questi sistemi trio, però, non sono molto pratici nei primi periodi di utilizzo a causa di un peso abbastanza significativo ma si prestano benissimo alla vita e agli spostamenti del pargoletto. In breve tempo, con l’utilizzo continuo e dopo aver acquisito una certa dimestichezza, diventano i migliori amici di ogni mamma!

La nota positiva è che, se il bebè cresce velocemente, non c’è bisogno di acquistare altri componenti aggiuntivi poiché i passeggini trio hanno sono equipaggiati di tutti gli accessori essenziali legati allo spostamento del piccolino sia in auto che in carrozzina.

La componentistica dei passeggini trio

Sul sito Adamex è possibile valutare l’acquisto di sistemi modulari di ogni tipo. Ogni carrozzina è dotato di un esclusivo telaio, compatto e solido, che consente una facile regolazione dello schienale e poggiagambe, in modo da mantenere il pargoletto sempre nella giusta posizione. Un occhio di riguardo è stato rivolto all’aggancio automatico di tutti gli altri sistemi aggiuntivi dove, attraverso un semplice click, la carrozzina si presta pronta all’uso per lunghe passeggiate. I materiali sono sapientemente scelti dall’azienda per assicurare il giusto comfort e la massima protezione agli urti laterali e all’isolamento termico-acustico oltre a rispettare tutta una serie di rigide normative igienico-sanitarie.

I sistemi modulari prodotti da Adamex sono omologati per auto e sono utilizzabili dal bebè fin dal suo primo giorno e garantiti fino a 10 kg.

La giusta soluzione grazie ad Adamex

Se avete le idee poco chiare e desiderate acquistare passeggini trio con l’intenzione di fare una spesa intelligente, è conveniente dare un’occhiata al sito o contattare il servizio di assistenza che vi agevolerà nell’acquisto. Adamex tiene conto delle particolari esigenza dell’utenza ed è per questo che prende a cuore ogni richiesta del cliente. All’interno dell’azienda ognuno svolge una funzione ben specifica per il successo di un obiettivo comune in base alle proprie competenze e abilità tecniche. Quindi, non solo sicurezza, attenzione all’estetica e solidità dei passeggini ma soprattutto la soddisfazione e la felicita dei propri clienti.

Allenamento personalizzato con il personal trainer

Al giorno d’oggi l’allenamento in palestra è una modalità di tenersi in forma che va molto di moda fra giovani e meno giovani.

L’allenamento però deve essere altamente personalizzato, vale a dire che deve modularsi e costruirsi sulla base delle esigenze della persona che vi si sottopone. La creazione di un programma personalizzato, da seguire passo a passo, è la regola. Qui entra in gioco quindi una figura fondamentale nell’allenamento, che è quella del Personal Trainer (vedi: trainingspecialist.ch). Il Personal Trainer consiste in una figura professionale il cui scopo è quello di iniziare all’allenamento ed all’esercizio fisico le persone che frequentano la palestra, e di indicare anche lo stile di vita più salutare da seguire, oltre che il programma personalizzato.

Il Personal Trainer, oltre a tutto questo, è anche un motivatore, colui che deve cercare di capire le caratteristiche fisiche e psicologiche e le possibilità della persona che gli sta di fronte per aiutarlo a raggiungere l’obbiettivo.

Il Personal Trainer innanzitutto, essendo una figura professionale, deve conoscere la persona che si affida alle sue mani.

Innanzitutto il Personal Trainer ha il compito di effettuare l’anamnesi, ovvero l’intervista iniziale al suo cliente, volta allo scopo di conoscerlo meglio per poter costruire un programma di allenamento personalizzato. L’anamnesi verte sulla storia medica del cliente, sul suo stile di vita, su eventuali infortuni, attività sportive portate avanti, e poi sulle sue esigenze e sugli obiettivi.

Segue poi la valutazione antropometrica funzionale, vale a dire alcune misurazioni con appositi strumenti che servono per determinare la composizione corporea.

Una volta stilato il programma di allenamento e cominciato ad eseguirlo, il Personal Trainer tiene sotto controllo l’efficienza e lo svolgimento dell’allenamento nel corso della programmazione a medio e lungo termine. A intervalli di tempo regolari, il Personal Trainer effettua un controllo sugli obbiettivi raggiunti ed eventualmente apporta delle modifiche e correzioni al programma.

Al termine del lavoro, si controllano gli obbiettivi raggiunti e se è necessario qualche perfezionamento. 

Come si sa, le tecniche di allenamento esistenti sono davvero tante, e quasi tutte molto valide, ma la scelta della tipologia dipende dall’esperienza del Personal Trainer che deve cercare di capire, sulla base delle caratteristiche fisiche e psicologiche del cliente, quale sia la migliore.

Il Personal Trainer ha lo scopo di lavorare sul singolo individua, tenendo conto delle sue peculiarità, dei talenti, dei punti di forza e di quelli di svantaggio.

Il Personal Trainer è una figura da scegliere con molta pazienza e possibilmente è meglio evitare quelli ‘improvvisati’, perché poi le ripercussioni sulla qualità dell’allenamento e sui risultati finali ci sono e si vedono.

Un Personal Trainer non necessariamente segue ogni singolo allenamento del cliente, ma deve comunque tenere monitorato l’andamento complessivo del programma e deve essere disponibile in caso di dubbi, domande, problemi.

Da questo breve excursus si desume che egli è una figura altamente qualificata e specializzata e che bisognerebbe sempre cercare di sceglierla con calma e con cura, tenendo conto degli studi effettuati, dei riconoscimenti e dei risultati sul campo. Il personal trainer può essere seguito sia in casa, sia in palestra, con programmi specializzati.

 

Cosa devi sapere  sulle tisane dimagranti naturali

Cosa sapere sulle tisane dimagranti naturali

Perdere peso è difficile. Implica una grandissima forza di volontà e richiede grandi sacrifici  ma non impossibile. Un’alimentazione sana e un allenamento regolare sono sicuramente la giusta direzione per il raggiungimento di questo obiettivo. Tuttavia integrare la propria dieta e l’esercizio fisico con un supplemento naturale può contribuire a rendere questo tuo percorso meno accidentato, più semplice e meno stressante. Per questo motivo bere tisane dimagranti appositamente pensate per questo scopo sta diventando una pratica sempre più diffusa.
Cosa c’è di più semplice nel perdere i chili di troppo stando comodamente seduti davanti ad una tazza di Tè caldo?

In realtà, non tutte le tisane hanno lo stesso potere dimagrante e non sempre se ne consiglia un’assunzione prolungata nel tempo. Proviamo a chiarire attraverso 6 punti quale scelta compiere per ottenere i migliori risultati nel minor tempo possibile.

1. Cosa sono le tisane dimagranti?

Le tisane dimagranti sono più di un semplice “tè del pomeriggio”. Infatti contengono numerosi composti che favoriscono la naturale perdita di peso.

Di norma, gli ingredienti presenti nelle tisane dimagranti sono caffè verde, caffeina, radice di  liquirizia, tè verde, radice di tarassaco e altre tipologie di erbe.

Normalmente questo tipo di bevande sostengono tra gli effetti benefici, la riduzione dell’appetito, l’aumento dei livelli di energia, la pulizia del colon evitando di agire direttamente sul grasso corporeo.

2. Quali assumere?

Come regola generale, è sempre bene preferire tisane con poche erbe, ovviamente tutte naturali. Infatti la regola principale è quella di non acquistare, né consumare prodotti la cui composizione non sia chiara o che preveda una componente chimica predominante come ad esempio la senna, particolarmente diffusa in tisane dimagranti, che ha come controindicazione l’irritazione dell’intestino crasso e di norma genera un effetto lassativo fastidioso.

Per questo è sempre bene leggere l’etichetta informativa del prodotto prima di compiere la scelta ed orientarsi verso prodotti che presentino la più alta componente naturale.

3. Quando assumerle?

È sufficiente bere tra 1-3 tazze al giorno preferibilmente lontano dai pasti. In genere, le tisane dimagranti non menzionano nessuna  dieta o esercizio fisico particolare di accompagnamento. Inoltre, svolgono leggeri effetti lassativi e diuretici e quindi è bene non esagerare con l’assunzione del prodotto oltre la quantità raccomandata.

4. Sono sicure?

Ovviamente gli effetti generati dalle tisane dimagranti variano da persona in persona. Tra gli effetti indesiderati si segnalano nervosismo o disturbi addominali e mal di testa. È bene sempre affidarsi a prodotti naturali che  assicurino il massimo rispetto del naturale funzionamento dell’organismo.

5. Benefici e Conseguenze

Il consumo di tisane dimagranti ha sicuramente molti effetti positivi sull’organismo umano, come ad esempio l’aumento del metabolismo, il miglioramento della  circolazione sanguigna, una potente funzione detox del fegato mantenendo inoltre sotto controlli i livelli di colesterolo e di zucchero presenti nel sangue. Tra gli effetti collaterali, rari,  ma pur sempre possibili, segnaliamo nausea, mal di testa, insonnia, aumento della frequenza cardiaca e fatica.

6. In conclusione: Funzionano?

Siamo giunti alla domanda fatidica:  Funzionano davvero queste tisane o sono solo pubblicità?  É indubbio che svolgono un’azione di supporto all’organismo nella perdita di peso, agendo non tanto sul grasso ma sui meccanismi corporei che ne favoriscono la naturale perdita di peso come il miglioramento di alcune funzioni intestinali, o una maggior azione contrastante dei liquidi corporei. Tuttavia è di fondamentale importanza accompagnare l’assunzione di queste tisane ad uno stile di vita più sano, che preveda una dieta ipocalorica ed una moderata attività fisica. Ma i risultati in questo caso saranno più che garantiti.

Se anche tu stai cercando un metodo e un aiuto per perdere efficacemente i chili di troppo, senza il canonico stress prodotto da rigidi regimi alimentari imposti dalle diete dimagranti, le tisane dimagranti possono essere un valido aiuto per eliminare il grasso in eccesso in maniera del tutto naturale e senza controindicazioni.

I perfetti alleati per la salute dei capelli: gli integratori naturali

Gli integratori naturali per capelli

I capelli sono una parte molto importante del nostro corpo e del nostro aspetto e mantenerli sani e robusti è fondamentale. La loro salute dipende da molti fattori, tra cui alimentazione, cambiamenti di stagione, stress e così via. In alcuni periodi della nostra vita, perciò, possiamo trovarci di fronte a capelli sfibrati, secchi e che tendono a cadere. Una corretta alimentazione è sicuramente fondamentale per prevenire questi problemi, grazie al giusto apporto di vitamine e minerali contenuti negli alimenti. Tuttavia, spesso il nostro organismo non riesce ad assorbire tutte le sostanze nutritive necessarie attraverso la sola alimentazione, con conseguenze negative anche sulla salute dei capelli. Ci sono poi particolari periodi dell’anno come la fine dell’estate o i cambi di stagione, in cui i nostri capelli sono inevitabilmente sottoposti ad un maggiore stress che può ulteriormente indebolirli.

In tutti questi casi, un valido aiuto può venirci dagli integratori per capelli naturali che possono contribuire a rafforzare il cuoio capelluto e migliorare la salute del capello grazie all’apporto di vitamine, minerali e alle proprietà benefiche di molti degli ingredienti naturali contenuti al loro interno. Gli integratori per capelli possono essere un valido supporto non solo nel caso di capelli deboli e sfibrati ma anche in caso di patologie più serie come la caduta dei capelli e le calvizie grazie alla loro combinazione di erbe naturali benefiche.

Vediamo più nel dettaglio quali sostanze possono favorire la salute del capello.

Vitamine:

  • Vitamina A, C ed E sono essenziali per mantenere in salute il capello ed il cuoio capelluto grazie alle proprietà antiossidanti e alla loro azione contro i radicali liberi, proteggendo i vasi sanguigni e prevenendo dall’invecchiamento delle cellule.
  • Vitamine del gruppo B, e in particolare la Biotina può venire in aiuto in caso di problemi di caduta dei capelli, aiutando a favorire la ricrescita. Anche l’ Acido Folico e la Niatina possono essere molto importanti in quanto, il primo, contribuisce a rigenerare le cellule del cuoio capelluto e la seconda può aiutare a normalizzare i livelli ormonali il cui squilibrio spesso è causa della perdita di capelli.

Minerali:

  • Ferro: è un minerale molto importante per la salute del capello in quanto partecipa alla sintesi dell’emoglobina, proteina responsabile della distruzione dell’ossigeno nei tessuti.
  • Magnesio: può favorire la circolazione sanguigna, l’elasticità dei tessuti e rilassare il sistema nervoso.
  • Zinco: è fondamentale per la pigmentazione del capello e può aiutare sia in caso di  problemi di caduta dei capelli, sia in caso di capelli grigi.
  • Rame: gioca un ruolo fondamentale per il benessere del capello, stimolando la produzione di melanina e favorendo il processo di cheratinizzazione. Può quindi aiutare in caso di bulbi piliferi atrofizzati e per rallentare l’invecchiamento.

Come abbiamo visto, quindi, gli integratori naturali possono essere un valido aiuto quando ci troviamo davanti a capelli indeboliti e sfibrati, contribuendo a fornire al nostro organismo il giusto apporto di vitamine e minerali e aiutandoci a mantenere in forma il capello in particolari periodi dell’anno.

Natale 2017: festeggialo con AIRC

Quando si arriva nel periodo natalizio, la maggior parte delle persone è colta da dubbi: la scelta delle migliori idee regalo per lei e per lui richiede sempre un grande sforzo di fantasia.

Insieme ai doni, in genere, si spediscono anche dei biglietti di Natale fai da te, che sono un simbolo di vicinanza e affetto per le persone alle quali si vuole bene. C’è chi invia cartoline di Natale antiche e chi invece le manda su WhatsApp… anche per le aziende, il periodo natalizio è importante.

In particolare molte aziende sotto le feste inviano ai loro dipendenti ed ai clienti importanti delle frasi di auguri aziendali e talora anche dei doni.

Sia che l’azienda intenda fare un regalo ai clienti, che non ne abbia le possibilità, comunque quella di inviare dei biglietti di auguri di Natale è sempre l’idea più economica e fattibile. Si tratta senza dubbio di un’idea semplice da realizzare e che, oltre ad essere gentile, può anche aiutare l’immagine dell’impresa e costituire una buona strategia di commercializzazione. Questo è soprattutto vero quando al posto di fare i soliti auguri di Natale formali si pensa di fare un piccolo gesto per un Natale solidale.

AIRC, l’associazione italiana per la ricerca sul cancro, senza fini di lucro, da anni ormai supporta la ricerca contro il tumore ed ha contribuito alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulla ricerca scientifica contro questa terribile malattia. Ma come si coniuga l’AIRC con i biglietti di Natale? Semplicemente, l’associazione permette alle aziende di acquistare un certo numero di biglietti di auguri Natale per i clienti o dipendenti e di personalizzarli.

L’acquisto degli auguri natalizi solidali va tutto in beneficienza, ovvero alla ricerca scientifica di AIRC contro il cancro. Si tratta di una realtà alla quale è sensibile la maggior parte delle famiglie italiane, ecco perché scegliere di commissionare i biglietti di auguri per Natale ad AIRC è un’ottima mossa non solamente dal punto di vista umano, ma anche dal punto di vista della strategia commerciale dell’azienda.

Acquistando i biglietti di Natale di AIRC (vedi sito: airc.it) è possibile rivolgere un pensiero alle persone alle quali si tiene e con le quali si vuole consolidare un rapporto umano e non solo professionale e commerciale, come i propri clienti e dipendenti, ma anche per dare concretamente una mano ad un progetto di ricerca di importanza fondamentale che nel corso degli anni ha permesso di fare passi avanti davvero grandi nell’ambito dello studio e della ricerca, ma dove c’è sempre tanto da fare.

Scegliere un Natale solidale con le cartoline auguri per Natale di AIRC è semplice e sicuramente è una buona azione che lascerà piacevolmente stupiti clienti e dipendenti, e che contribuisce attivamente alla ricerca sul cancro.

Non solo: inviare auguri per le feste può sembrare una banalità, invece è un’idea per un pensiero di Natale economico ma comunque di grande effetto che aiuta a legare sempre di più con la realtà umana che circonda l’azienda, vale a dire con i dipendenti e con i clienti, oltre che con le loro famiglie.

 

 

A cosa fa bene andare in bicicletta

Andare in bicicletta è una delle attività più amate da tantissimi italiani e non. 

Andare in bici è sicuramente un modo veloce e agile di spostarsi, ma fa anche molto bene alla salute. Non ci sono dubbi: pedalare è un toccasana per il corpo. Cerchiamo di capire esattamente come.

Andare in bici è un’attività che fa bene al corpo: in primis, pedalare fa bene al cuore, perché protegge il muscolo cardiaco, lo mantiene forte, e lo allena alla fatica. 

Inoltre, pedalare aiuta tutto il sistema cardiovascolare, infatti è stato dimostrato che migliora la circolazione a livello delle gambe, e previene l’insorgenza del gonfiore alle gambe. È stato dimostrato che l’uso costante della bici tiene alla larga dalle malattie del cuore, soprattutto infarto e ictus, che permette di allenare il cuore, il quale pompa più sangue nelle arterie e con più forza.

Non solo salute del cuore: andare in bici permette di migliorare il metabolismo. Infatti questa è un’attività di resistenza, il che significa che aiuta la digestione il circolo sanguigno del cervello, l’attività dei muscoli.

Non bisogna dimenticare che si dimagrisce velocemente, senza fare troppa fatica. Andare in bici al lavoro al posto di prendere la macchina è una soluzione ideale per chi voglia perdere peso, in quanto pedalando si consumano fino a 500-600 kcal (se si va forte). Se si pedala un po’ meno velocemente, si possono consumare dalle 300 alle 600 kcal all’ora.

Il ciclismo è uno sport di resistenza, che impegna tutti i muscoli: questo significa che dopo solo mezz’ora di ciclismo, il corpo comincia a bruciare le scorte di grasso del corpo, e non quelle di glucosio. Ecco perché il ciclismo è davvero indicato per chi voglia perdere peso.

Il corpo viene stimolato completamente, mentre si pedala. Se è vero che le parti più sottoposte a sforzo sono le gambe, polpacci e cosce, comunque si rinforzano anche i muscoli della schiena e quelli delle braccia. Per restare in equilibrio sul sellino, si usano anche gli addominali, e la parte inferiore della schiena.

Però bisogna cercare di mantenere una posizione giusta in sella o si rischia di procurarsi crampi e dolori ai muscoli… 

Andare in bicicletta ha anche altri vantaggi. Ad esempio, riesce a preservare le articolazioni perché il 50% del peso del corpo viene scaricato su glutei e sul sellino. Senza contare che inoltre chi va in bici è ben allenato ed ha un’ottima resistenza fisica e molta energia. C’è solo da guadagnare a cominciare ad andare in bici.

Per andare in bici senza troppa fatica, è sempre bene fare attenzione a qualche regola basilare.

  • Scegliere un telaio della propria taglia, proporzionato all’altezza (una vasta scelta di bici da bambino e per adulti si trova su biciebici.net)
  • Controllare sempre la pressione delle ruote, per non fare fatica inutile.
  • Curare la manutenzione della bici, in primis la lubrificazione delle componenti in metallo.
  • Optare per ruote ideali al tipo di terreno sul quale si prevede di andare.
  • Mantenere una pedalata agile (90-100 al minuto) anche su strada, per gestire meglio l’energia.
  • Evitare di andare fuori sella.
  • Evitare di appesantirsi con zaini.