AutoreDotMil

Le varietà di caffè

tipologie di caffè

Esistono più di 100 specie di caffè, anche se quelle che vengono maggiormente proposte in commercio sono due; l’Arabica e la Robusta. Esiste anche la varietà Iberica, che però viene coltivata in quantità molto inferiori rispetto alle prime due. Alcune specie di caffè vengono coltivate solo nelle zone locali e, per questo motivo, non sono molto conosciute, come il Coffea Stenophylla e il Coffea Mauritana.

La raccolta e la lavorazione del caffè

Il processo di raccolta del caffè è molto complesso, ma non tutti conoscono questo lungo processo. La raccolta dei chicchi procede a rotazione e si aspetta che ciascuno di questi raggiunga la piena maturazione. Il metodo di raccolta dei chicchi di caffè viene chiamato “picking” e viene svolto da raccoglitori qualificati e specializzati che passano molte ore al giorno immersi nelle piante di caffè per valutare quali sono i chicchi migliori che hanno raggiunto la maturazione perfetta.

In questo modo i frutti vengono selezionati attentamente per garantire il massimo del gusto e dell’aroma quando si gusta il caffè in tazza. I costi di queste operazioni sono molto alti e per questo motivo si tratta di un metodo di raccolta che viene adottato solo per le qualità di caffè considerate di alto pregio.

Per tutte le altre varietà di caffè si utilizza il metodo detto “stripping”: più grossolano e veloce che consiste nel prelevare dalla pianta tutti i chicchi di caffè, indipendentemente dalla loro maturazione. Questo metodo si applica solo nelle coltivazioni di tipo intensivo e prevede la raccolta di tutto ciò che si può prelevare dalla pianta del caffè; frutti maturi, frutti immaturi, marci o imperfetti.  In alcune coltivazioni del Brasile, dove i campi dedicati a questa coltura sono molto estesi, per la raccolta del caffè si utilizzano dei macchinari in grado di raccogliere i chicchi in modo automatico.

Dopo la raccolta, la seconda fase è l’essiccazione dei chicchi, che avviene secondo due metodi: a secco o con il metodo a umido. Il primo, applicato alle piantagioni di caffè di minor pregio, prevede l’esposizione al sole, che scongiura la formazione di muffe, e poi la frantumazione del guscio che libera i chicchi.

Il metodo a umido, invece, prevede lo stoccaggio dei chicchi di caffè in grandi vasche piene d’acqua per prelevare i migliori a seconda del galleggiamento. Il guscio viene rimosso e i chicchi vengono lasciati fermentare secondo un processo controllato che varia dalle 12 alle 48 ore: tempo amplifica l’aroma e la dolcezza dei chicchi e conferisce al caffè una maggiore qualità. I chicchi vengono poi lavati e lasciati asciugare al sole prima di essere selezionati attentamente a seconda della loro dimensione e della presenza, o meno, di eventuali difetti.

La tostatura, invece, è l’operazione finale, quella in cui il chicco crudo viene trasformato in chicco tostato. Questo processo è molto delicato e complesso e non viene mai eseguito nel paese d’origine del caffè dal momento che, dopo la prima fase di maturazione, il chicco tende a perdere l’aroma e diventa sensibile ai fattori esterni quali l’umidità.

Il processo di torrefazione prevede l’introduzione dei chicchi all’interno di una macchina in grado di raggiungere temperature che variano tra i 200 e i 250 gradi Celsius in un periodo compreso tra i dieci e i venti minuti, sempre in base al tipo di caffè che si vuole ottenere. Durante questa operazione il chicco di caffè diventa meno pesante, dal momento che perde acque e altre sostanze volatili, e produce una sorta di olio dal colore scuro responsabile dell’inconfondibile aroma. E una volta tostato, particolare molto importante, il caffè viene conservato con cura, sempre al riparo dall’ossigeno e a basse temperature.

Dove acquistare il cibo per i cani?

quali sono i migliori siti dove acquistare cibo per cani

Chi vive con un amico a quattro zampe sa benissimo che a casa la spesa si fa anche per lui. Supermercati e negozi di animali sono sempre molto fornito, ma sapevate che anche on line potete acquistare il cibo per il vostro cane comodamente da casa? Ecco quali sono i migliori siti web che vendono cibi per cani ed effettuano spedizioni precise e puntuali.

I migliori siti per acquistare cibo per cani

Forse non tutti sanno che ci sono diversi modi per acquistare il cibo dei nostri amici a quattro zampe. Non solo supermercati, farmacie e negozi specializzati, ma anche shop on line dove poter fare rifornimento per il vostro cane con la comodità di acquistare da casa.

Il vantaggio è notevole, perché comprare on line permette di acquistare più cibo di quanto ne comprereste normalmente all’interno del negozio e di fare così scorte per tutto il tempo che volete. Cibo secco, crocchette e cibo in scatola, sul web si può trovare proprio di tutto.

Basta solo affidarsi ai giusti portali. Ecco allora una lista di siti web dove poter comprare il cibo al vostro amico a quattro zampe, certi di una consegna rapida e puntuale e di pagamenti sicuri. Vi aspettano sconti e tante promozioni!

Miscota

Se avete già le idee piuttosto chiare, questo portale fare al caso vostro e del vostro amico pelosi. Sul sito potete impostare la ricerca direttamente in base alla marca e trovare subito il prodotto al quale siete interessati. Molto interessante la sezione dedicata alle offerte del giorno; potrete trovare tante offerte non solo per quel che riguarda il cibo, ma anche giocattoli e prodotti farmaceutici. E non dimenticatevi di iscrivervi alla newsletter per rimanere sempre aggiornati su novità e promozioni!

Zooplus

Cibo secco, umido, antiparassitari, ma anche cucce, trasportino e cibo per gatti. Il sito è molto fornito e, anche in questo caso, molto utile è la sezione dedicata alle offerte, dove potrete trovare interessanti promozioni che riguardano cibo e accessori. Il portale è molto social e, se vi piace e vi trovate bene, non dimenticate di scaricare l’applicazione ufficiale. Gli acquisti seguono un programma fedeltà: per chi si iscrive alla newsletter sono previsti dieci punti in omaggio.

Dogsitter

La consegna è gratuita, per importi che superano i 30 euro, con corriere espresso e la consegna puntuale e precisa. Su questo portale potrete trovare un vasto assortimento di prodotti, dal cibo secco e umido, a ciotole, accessori e guinzagli, ma anche prodotti para-veterinari, giochi e abbigliamento. Il portale è corredato anche di un blog informativo dove potrete trovare post interessanti che riguardano la vita con i nostri amici a quattro zampe.

Pet Market On line

Non solo cani e gatti, ma anche roditori, rettili e furetti. Su questo portale si vende cibo per qualsiasi tipo di animale e anche in questo caso la sezione dedicata alle offerte permette di risparmiare notevolmente e di fare scorte di cibo umido e secco, di giochi e di piccoli accessori per il vostro amico a quattro zampe. È possibile registrarsi al sito e tenere sempre sott’occhio il proprio profilo, i propri acquisti e gli ordini inoltrati.

Paco Pet Shop

Su questo portale potrete trovare tante marche diverse di cibo, una sezione dedicata ai prodotti per la dieta e una sezione dedicata alle offerte che vi permette di risparmiare notevolmente su scorte di cibo comprate in stock. Molto interessante anche il blog a tema, che fornisce pratici consigli sulla vita di tutti i giorni con i nostri amici a quattro zampe. La spedizione è gratuita se si superano i 49 euro!

Bauzaar

Il punto forte di questo portale è la sezione dedicata alle offerte speciali, che offre ai clienti articoli scontati anche del 50%. La sezione viene aggiornata con cadenza settimanale ed è molto utile per chi è sempre a caccia di offerte. Per il resto sul sito potrete fare scorta di cibo, giocattoli, accessori per il viaggio e la toelettatura. Anche in questo caso, molto interessante è il blog a tema mondo a quattro zampe.

Esprimere al meglio il proprio stile con l’arredo giardino di qualità

arredo giardino

Secondo sondaggi e alcune indagini di mercato, ogni anno a ridosso dell’estate, un gran numero di persone decide di rinnovare l’arredo giardino andando alla ricerca di mobili e accessori di alta qualità. Gazebi, tavolini, sedie e arredi in tartan in generale, sono la merce più ricercata e, quindi, più venduta dalla grande distribuzione. Chiaramente, un acquisto del genere richiede un’importanza strategica se si vuole fare un acquisto intelligente che duri nel tempo.

Cambiare “look” al giardino o al terrazzo di casa non è proprio semplice e necessita di grandi attenzioni sia in termini stilistici che di qualità degli oggetti. La scelta dell’arredo giardino rappresenta proprio uno degli aspetti più complicati, soprattutto quando non si conoscono bene i prodotti da esterno e non si hanno le idee chiare su cosa si sta cercando. La buona regola prevede che l’arredo giardino deve adeguarsi armonicamente all’intero complesso architettonico dell’abitazione e non essere fuori luogo.

La qualità in merito ai prodotti non deve mai mancare, se non si vuole gettare in discarica l’ombrellone o il divanetto solo dopo brevi utilizzi, con un grande spreco di soldi. Perciò, conviene darsi un “pizzico” sulla pancia e optare per mobili di prestigio e resistenti ai diversi fattori ambientali, come quelli offerti da Luxury Garden (luxurygarden.it), per decorare il giardino con arredamenti raffinati e di gran classe.

Stile moderno o rétro?

Solo chi ama lo stile classico potrà apprezzare la splendida collezione estiva di Luxury Garden composta da interi salottini in rattan sintetico, come il mod. Saturno, formati da un divano, due poltrone e un tavolino con ripiano in vetro temperato con spessore 5mm, ottimo da inserire in un contesto esterno a bordo piscina. Il design squadrato e le linee minimaliste rendono le finiture di questo salotto davvero ricercate.

Durante il processo di lavorazione il tartan, prima di essere intrecciato a mano, subisce un adeguato trattamento che ne assicura la protezione dai raggi solari e una buona resistenza all’umidità e all’acqua piovana. Si tratta di un arredo giardino concepito per “riempire” nella maniera più efficace gli spazi esterni, con accessori che non scoloriscono e non subiscono deformazioni o alterazioni alle alte temperature. Anche l’estetica e le funzionalità non verranno compromesse in presenza di condizioni meteo avverse.

Sul portale si trovano anche varianti di salotti più innovativi, come il mod. Vegas white in polipropilene effetto rattan, con un design più attuale e un prezzo più economico. Il polipropilene è un materiale simile alla plastica ma con una più alta resistenza alle temperature estreme. Grazie alla robusta natura di questo materiale, l’intero set può essere lasciato tranquillamente all’aperto anche durante la stagione invernale, non richiedendo nessun tipo di manutenzione se non una lavata con un panno umido.

L’arredo giardino ideale in ogni contesto

Ogni ambiente domestico ha una sua storia e segue una sua linea architettonica individuale. Ad ogni modo, qualunque sia il “tema stilistico” dell’abitazione su Luxury Garden sarà possibile trovare l’arredamento giusto al vostro giardino a prezzi ragionevoli, usufruendo anche della sezione riguardante le offerte del mese a prezzi scontati.

Luxury Garden offre così tanti modelli che c’è l’imbarazzo della scelta! Probabilmente, tra i numerosi accessori e mobili disponibili sul portale, quelli più graditi dalla maggior parte dei consumatori sono quelli in tartan sintetico per via del loro design lineare e aspetto gradevole alla vista. Dagli amanti del genere è considerato l’arredamento ideale che sta bene in qualsiasi giardino, non molto impegnativo e che necessita solo di qualche cura per tenere il tartan sempre “vivo” e brillante.

L’intimo per eccellenza: boxer per uomo a vita bassa

Boxer da uomo a vita bassa

Tra gli indumenti di biancheria più indossati, il boxer è sicuramente l’accessorio più acquistato dagli uomini, in ogni tipo di variante, tessuto e fantasia, soprattutto con stampe irriverenti e ironiche. Le origini dei boxer sono abbastanza datate: erano indossati dagli sportivi sul ring e rappresentavano la divisa tipica dei pugili, fin quando un noto marchio di abbigliamento (Everlast) non lo trasformò in un indumento intimo. Correva l’anno 1925 e lo staff dell’azienda americana progettò i famosi “boxer trunks”, sostituendo la fascia di cuoio in vita con un elastico più confortevole.

Agli inizi degli anni ’70, l’intimo maschile cominciò a rivestire un’importanza strategica all’interno di una società in continuo fermento, in cui la trasgressione e la sensualità diventarono due aspetti chiave in un mondo in cui il corpo umano rivestì un ruolo di primo piano attraverso forti campagne pubblicitarie. In brevissimo tempo, i boxer per uomo, disponibili sia nella variante a vita bassa che in quella alta, iniziarono a far scalpore grazie ad una “immorale” pubblicità in bianco e nero ideata della società Sears, nella quale veniva ripreso un uomo in boxer con una chiara allusione agli attributi maschili.

Il successo dei boxer

Il “boom” è avvenuto solo durante gli anni ’80, grazie a una serie di innovativi spot targati Levi’s, in cui il testimonial (il cantante Nick Kamen) si sfilava i pantaloni e la t-shirt per un lavaggio rapido in lavatrice rimanendo letteralmente “in mutande”. Da questo preciso istante, la stragrande maggioranza della popolazione maschile ha cominciato ad adeguarsi alle tendenze modaiole “dettate” dai grandi marchi di abbigliamento. Il “sagging”, ossia mostrare la parte superiore dei boxer da uomo mediante l’utilizzo di pantaloni a vita bassa, divenne una consuetudine in cui proprio tutti cercavano di mettere in risalto l’elastico del boxer con la stampa del brand di turno.

L’azienda che catturò il perfetto spirito della rivoluzione dell’intimo maschile di quegli anni fu Calvin Klein che, attraverso messaggi ironici, divertenti, simpatici e molto attraenti, riuscì a catalizzare l’attenzione del grande pubblico, proponendo boxer da uomo a vita bassa (una via di mezzo tra uno slip e un boxer).

Nell’era attuale, la scelta dei boxer per uomo è davvero vasta con infinite varianti, forme e tinte da perderci la testa! Sicuramente, la scelta dipende da numerosi fattori, che partono dalla conformazione fisica dell’individuo fino alle occasioni d’impiego.

Le differenti tipologie

Gli stili e le tipologie dei boxer sono varie e possono essere suddivise così: l’american boxer, preferito dagli americani per via delle loro dimensioni generose e una vestibilità comoda, ma non molto indicato da indossare sotto un paio di pantaloni; i gripper boxer, muniti di elastico in vita; i yoke boxer, in cui al posto dell’elastico hanno un cordino regolabile a piacimento (molto diffusi durante la Grande Guerra); i boxer aderenti, utilizzati maggiormente dagli sportivi in quanto non lasciano segni, non stressano e permettono un’ampia libertà di movimento. In pratica, ad ogni uomo il proprio boxer!

Un suggerimento: mai sottovalutare l’intimo maschile perché, oltre ad essere un accessorio glamour, anche l’occhio vuole la sua parte.

Proprietà della melatonina

che cos'è la melatonina e quali sono le sue proprietà

Da diverso tempo ormai, a proposito di rimedi efficaci contro l’insonnia, si sente spesso parlare della melatonina; in realtà questa sostanza, il cui utilizzo è oggi largamente diffuso, è in grado di apportare numerosi benefici all’organismo e non soltanto di migliorare la qualità del sonno. Scopriamo tutto quello che c’è da sapere sulla melatonina e come utilizzarla per trarne i massimi benefici.

Melatonina: cos’è e a cosa serve

In una società frenetica come la nostra, dove lo stress regna sovrano, uno dei disturbi più comuni è l’insonnia e sembra che per contrastarla uno dei rimedi più efficaci sia l’assunzione di melatonina; questa sostanza, dalle innumerevoli proprietà, è sempre più popolare e fa parlare di sé ormai da anni.

Cos’è la melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptammina, è una sostanza individuata in tutti gli organismi viventi; da qui la prima particolarità della melatonina; in natura, infatti, la presenza di una sostanza del tutto identica in tutti gli esseri viventi è alquanto rara.

La melatonina è prodotta dalla ghiandola pineale, ovvero l’epifisi, la ghiandola posta alla base del cervello e agisce sul ipotalamo con la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia ed è connessa anche al buon funzionamento del sistema immunitario; questa sostanza si comporta come fosse una sorta di regolatore dell’armonia notturna, e quindi dei ritmi neuro-endocrino-immunologici.

Da tale armonia dipende lo stato di salute generale, nonché la prevenzione della senescenza, ovvero il “processo biologico involutivo associato all’invecchiamento, caratterizzato da modificazioni strutturali e dal decadimento di varie attività e funzioni fisiologiche”.

Possedendo effetti opposti a quelli dell’adrenalina, che aumenta i battiti del cuore e la pressione del sangue stimolando all’azione, la melatonina diminuisce la frequenza cardiaca e produce rilassamento muscolare inducendo quindi al sonno. Il corretto funzionamento dell’attività ritmica della melatonina è, quindi, elemento fondamentale per il benessere psico fisico e quando il corpo non ne produce abbastanza diventa necessario integrarne la giusta quantità.

Adeguanti livelli di melatonina sono indispensabili per contrastare lo stress, nonché l’attacco di virus e batteri, ma anche per migliorare la qualità del sonno, ridurre i rischi di cardiopatia e combattere gravi malattie, quali il cancro.

La produzione di melatonina da parte dell’organismo varia durante il corso della vita, raggiungendo il livello massimo durante l’infanzia e cominciando a scendere man mano che avanza l’età, per arrivare al minimo durante l’anzianità.

La melatonina contro l’insonnia

Come abbiamo accennato la melatonina è responsabile della qualità del sonno e diventa indispensabile per aiutare l’individuo ad adattare i propri ritmi biologici al fuso orario locale, eliminando i disturbi legati, ad esempio, al jet lag. In caso di viaggi, infatti, bisogna assumere la melatonina alcune notti prima della partenza, durante il viaggio, all’arrivo a destinazione e nelle successive notti.

La quantità ideale per migliorare la qualità del sonno è compresa tra i 4 ai 6 milligrammi, ma può essere già efficace ad un quantitativo minore (1 o 2 milligrammi).  La melatonina viene prodotta durante la fase del sonno profondo e in tale momento si verifica un significativo aumento nel sangue del numero di cellule del sistema immunitario e di conseguenza un miglioramento delle difese naturali contro virus e batteri. Per questa ragione il sistema immunitario lavora al massimo regime proprio durante il sonno; ne deriva che se la qualità del sonno non è ottimale, non lo può essere nemmeno il buon funzionamento delle difese dell’organismo.

InfoUdito: l’udito non è mai stato così prezioso

udito

Il nostro apparato uditivo è sempre in continuo funzionamento captando tutti i rumori e suoni che ci circondano, che poi vengono distinti e riconosciuti dal nostro cervello: in questo modo ci è possibile riconoscere ad esempio una canzone, la voce di una persona cara ed altro ancora.

Ma cosa accade quando non riusciamo più a decifrare i suoni? Questo succede comunemente quando la capacità uditiva si riduce. Le cause possono essere varie: l’importante è non angosciarsi e agire per tempo. Delle volte infatti si può trattare banalmente di un tappo di cerume che può essere eliminato seguendo dei semplici rimedi naturali o rivolgendosi ad uno specialista.

Il consulto e il controllo da un otorino è in verità la strada migliore da intraprendere dato che in alcuni casi ci si può trovare di fronte ad un danno uditivo, determinato da diversi fattori, di cui non si era a conoscenza.

La diagnosi precoce quindi, nel momento in cui si avverte un calo uditivo non dovuto magari ad un semplice tappo di cerume, garantisce buone probabilità di guarigione.

Una delle principali cause da attribuire al calo di udito potrebbe essere l’ipoacusia, che colpisce il 10% della popolazione mondiale.

L’ ipoacusia non è semplice da definire, dato che gli stessi specialisti non ne danno una definizione univoca: questo perché le modalità in cui questa patologia si manifesta possono variare da paziente a paziente. In alcuni casi infatti il paziente può accusare solo una lieve distorsione acustica che si sviluppa sono nel corso di alcune giornate, mentre nei casi più gravi ci si può trovare di fronte alla perdita totale della capacità uditiva da un orecchio o da entrambi nel giro di pochissimi secondi.

Nella maggior parte dei casi però l’ipoacusia è monolaterale, raramente bilaterale: ad ogni modo con una terapia adeguata si può ottenere nuovamente il recupero parziale o totale della capacità uditiva.

Un esame audiometrico tonale può evidenziare un’ipoacusia, di cui a volte molti pazienti non sanno di essere soggetti. Possiamo parlare di questa tipologia quando il risultato dell’esame evidenzia un calo percettivo superiore a 30 dB verificatosi nell’arco di tre giorni su tre con frequenza continua.

Questa patologia può essere di differenti tipologie: possiamo trovare una pratica guida all’ipoacusia su InfoUdito, multinazionale danese leader nello sviluppo, produzione e vendita prodotti dedicati all’udito che vanno dalla strumentazione dedicata alla diagnosi, agli apparecchi acustici fino agli impianti cocleari.

All’interno della suddetta guida l’ipoacusia viene classifica come:

  • trasmissiva
  • neurosensoriale
  • improvvisa
  • percettiva o ipoacusia centrale
  • da rumore

Ma quali sono le cause dell’ipoacusia?

Non c’è una causa univoca che comporta questo calo uditivo improvviso: gli esperti ipotizzano che si possa attribuire a diversi meccanismi, anche se di questi non si individua il principale. Vediamone alcuni:

  • Infezione virale. Non esistono prove evidenti che dimostrano come la genesi dell’ipoacusia possa essere attribuita ad un’infezione, anche se alcuni soggetti con questa patologia sembrano avere una sieroconversione per herpes virus più elevata rispetto ai soggetti non interessati.
  • Disturbi legati alla circolazione. La porzione dell’orecchio interna nota come coclea, nonché sede di tutte le cellule volte alla percezione sonora, è un organo vascolarizzato, anche se non presenta alcun legame con altri vasi sanguigni. Questo significa che nel caso in cui un vaso nutritivo dovesse compromettersi, non ve ne sarebbero altri in grado di fornire sangue all’organo, generando così un danno e un parziale funzionamento dello stesso.
  • Rottura delle membrana intracoclerari. Sia l’orecchio interno e medio che la cloclea sono costituiti da numerose membrane che contengono liquidi. La rottura delle stesse può portare ad ipoacusia improvvisa, così come dimostrato a livello istopatologico in soggetti con questa patologia.
  • Disturbi immunologici. Anche numerose patologie legate a disturbi del proprio sistema immunitario, come ad esempio la sindrome di Cogan o disturbi reumatologici, possono dare origine all’ipoacusia percettiva.

Come curare l’ipoacusia?

Non c’è un protocollo standard per la cura di questa patologia: in generale si cerca di agire su tutti i meccanismi appena indicati in modo da individuarne il principale responsabile. Certo è, che la terapia post diagnosi va inizia in tempi rapidi in quanto le cure hanno un’efficacia maggiore se vengono somministrare entro le prime due settimane dall’insorgenza.

Nel trattamento dell’ipoacusia vengono impiegati diversi tipi di farmaci tra cui vasolodilatatori, reaologici, anti-infiammatori, cortisonici e diuretici.

La verità è che la miglior cura è quella della prevenzione, ragione per la quale nel momento in cui avvertite un disturbo prenotate subito una visita diagnostica in un centro specializzato a voi vicino: andate su Infoudito per sapere come.

I pro e i contro del consumo di prodotti light

pro e contro degli alimenti light

Partendo dal presupposto che un alimento light è per definizione meno calorico del suo equivalente tradizionale, sembra scontato che il suo consumo sia più dietetico e che quindi sia di conseguenza anche più sano.

Il primo problema che si pone è che consumare prodotti light non garantisce di per sé alcuna riduzione del peso corporeo, sono infatti le buone abitudine alimentari e un corretto stile di vita gli unici alleati di una dieta sana ed equilibrata.

Spesso, infatti, erroneamente convinti che i prodotti light non facciano ingrassare, si tende a consumarne una quantità maggiore rispetto al loro pari non light, annullando così completamente il vantaggio di partenza.

Il rischio è che si preferiscano i prodotti light convinti del fatto che questa abitudine sia sana, e soprattutto sufficiente a mantenere il giusto peso corporeo, con il conseguente errore di arrivare ad abusare di questa categoria di alimenti.

Insomma, non è sufficiente consumare prodotti light per dimagrire, e nemmeno per mantenere stabile il proprio peso; a fronte di una sana alimentazione, una giusta attività fisica e un corretto stile di vita, il consumo moderato di alimenti light può essere considerato alla stregua della classica ciliegina sulla torta.

Questo perché, nonostante il minore apporto di grassi, un dessert versione light resta sempre un alimento ad alto contenuto calorico, che è sempre preferibile assumere con moderazione.

Un altro importante aspetto da considerare in merito ai cibi light è la qualità nutrizionale di tali alimenti; dato che i cibi che ingeriamo sono l’unico mezzo a nostra disposizione per assumere i principi nutritivi indispensabili per il corretto funzionamento del nostro metabolismo, ne deriva la grande importanza di consumare alimenti che ne siano ricchi.

In questo contesto accade che, attraverso i processi di trasformazione cui vengono sottoposti gli alimenti light, vengano di fatto perse una buona quantità di vitamine, nonché di acidi grassi essenziali; inoltre, sempre durante tali processi industriali, vengono aggiunti svariati additivi che, anche se considerati non pericolosi per la salute, di certo non forniscono alcuna sostanza utile per il nostro organismo.

Ne deriva che per essere certi di consumare l’alimento più adatto alle diverse esigenze è sempre importante leggere attentamente le etichette; non è sufficiente, quindi, la dicitura “light”, e in molti casi sarebbe meglio mangiare poco piuttosto che mangiare “leggero”.

Abbagliati dalla scritta “light” si potrebbe pensare che un prodotto con pochi zuccheri o pochi grassi, o addirittura a 0% di grassi, sia più sano di un prodotto tradizionale, quando in realtà i grassi sono necessari all’organismo, ad esempio per facilitare l’assorbimento di vitamine quali la vitamina A, la D, la E e la K.

Inoltre, zuccheri, grassi e sale, così come le proteine, risultano dannosi per la salute solo se introdotti in eccesso, e per limitarne l’assunzione non è sufficiente consumare prodotti light, ma selezionare gli alimenti e bilanciarli in funzione delle proprie esigenze specifiche e del proprio stile di vita.

Ammesso, quindi, che si abbia la necessità di eliminare dalla propria dieta grassi e zuccheri perché si desidera dimagrire, è di fondamentale importanza assicurarsi di sostituire questi preziosi elementi con nutrienti che non siano più dannosi dei primi.

Ad esempio, nel caso si consumino prodotti light nei quali lo zucchero è stato eliminato ma sostituito con il ciclammato o la saccarina, possiamo teoricamente affermare che questi alimenti, definiti “leggeri”, siano in realtà più pericolosi per la nostra salute rispetto a quelli tradizionali, in particolare in caso di forte consumo.

Per fare chiarezza sulle più comuni incomprensioni dovute alla superficialità con cui spesso si acquistano i prodotti light, se sostituiamo il famigerato colesterolo con gli acidi grassi vegetali, ovvero olio di palma, olio di cocco o acidi grassi trans o idrogenati, perché la semplice dicitura “vegetale” tende a tranquillizzare il consumatore medio rispetto al termine “animale”, nella realtà ci stiamo mettendo più a rischio sia per disturbi cardiovascolari che per problemi tumorali di quanto non accadrebbe nel caso del colesterolo.

Di fatto, gli alimenti light possono risultare vantaggiosi soltanto in casi particolari, ovvero quando diventa necessario eliminare in modo drastico l’assunzione di determinati nutrienti per problemi specifici; ad esempio lo zucchero nel caso del diabete, il colesterolo per chi soffre o ha sofferto di problemi cardiaci e il sodio nell’ipertensione.

Il consumo di cibi light risulta troppo spesso essere un classico esempio di cattiva educazione alimentare, ovvero il risultato della ricerca di una strada facile per perdere peso quando in realtà, come abbiamo ampiamente evidenziato, non si tratta di un cammino corretto ne tanto meno efficace.

L’esempio più eclatante di tale cattiva educazione alimentare sono gli Stati Uniti, dove sono nate quasi tutte le varianti sintetizzate di prodotti alimentari, alleggeriti o fortificati, e dove però il problema dell’obesità è in costante aumento; si tratta, quindi, di un vero e proprio controsenso.

Laddove si preferiscono cibi light, allo scopo di cercare una strada veloce e facile verso il controllo del peso, quindi, si finisce per produrre l’effetto contrario; adottare sane abitudini alimentari, soprattutto per coloro che hanno gravi problemi di peso, non è facile, e il pensiero che possa esserlo si traduce in un aggravamento della situazione.

Anche nel nostro Paese, nel quale si partiva da una sana cultura del cibo, negli ultimi decenni si assiste ad un drastico peggioramento delle abitudini alimentari, complici anche gli alimenti light che, in questo senso, possiamo definire “truccati”.

In ultima analisi i cibi light possono, quindi, rappresentare unicamente un supporto alla dieta dimagrante, possono eliminare qualche caloria, ma non possiedono alcune funzione benefica di per sé, ne possono essere considerati più sani della loro variante tradizionale.

Se state cercando un metodo per perdere peso, quindi, non affidatevi in alcun modo agli alimenti light, ma affrontate la situazione dandole la giusta importanza; quando si parla di dieta si sta parlando di salute, non si tratta di scegliere la strada più breve né quella più facile, ma unicamente quella più efficace e vantaggiosa in termini di benefici fisici.

E se proprio desiderate acquistare un prodotto light, per sostituire un cibo altamente calorico del quale non riuscite a fare a meno, cercate quello migliore e fate attenzione alla presenza di additivi e sostanze sintetiche.

I lettini per bambini, che passione!

collezioni billo e pallina

Una coppia di neo genitori in attesa di un bebè è ben consapevole dell’importanza di acquistare quanto prima prodotti e accessori per bambini, in primis un lettino ad hoc, per ricreare un ambiente intimo e far sì che il pargoletto si ambienti già nei suoi primi giorni di vita.

I lettini per bambini e più in generale l’allestimento delle camerette svolgono un ruolo essenziale quando si pensa allo sviluppo e all’apprendimento del nascituro. L’intento è di ricreare un luogo stimolante per lui in modo che possa crescere in maniera serena percependo in maniera nitida tutti i segnali provenienti dal mondo esterno.

Sostanzialmente, lo scopo di qualsiasi genitore è “costruire” una cameretta ricreando un luogo simile all’utero materno, ossia quel posto in cu il bebè ha trascorso i suoi primi nove mesi di vita, costretto ad abbandonarlo per ritrovarsi in un mondo a lui ignoto. Ed è ecco perché sia gli accessori, come appunto i lettini per bambini, sia l’allestimento della cameretta, in cui è necessario dare la giusta importanza ai suoni, alla tranquillità e ai toni di luce, non potranno essere trascurati e dovranno essere funzionali per rendere meno traumatico il passaggio del bebè al nuovo mondo.

Come scegliere i lettini per bambini?

Qualsiasi lettino si scelga per il proprio piccolino è necessario che abbia specifiche caratteristiche per assicurargli il giusto comfort e benessere. Nei primi mesi di vita i bebè sono curiosi e sono istintivamente attratti dalle luci e dai movimenti, tutti segnali che fanno intendere il suo apprendimento e la sua apertura verso i nuovi contesti che lo circondano. Il compito della madre e del padre sarà di “nutrirlo” continuamente con ogni sorta di dispositivo, partendo dalla scelta del lettino che sarà il posto in cui trascorrerà la maggior parte del suo tempo. Preferire fantasie piuttosto sgargianti o che riprendono temi fiabeschi è una scelta che spetta ai genitori e ai loro gusti personali. Dando un’occhiata sul web si scoprono bellissime realtà aziendali specializzate nella produzione e commercializzazione di camerette e accessori per bambini, come ad esempio www.billoepallina.it che, lavorando secondo un’antica e sapiente artigianalità, offre al grande pubblico numerose linee di mobili e arredi per l’infanzia con una cura scrupolosa dei particolari.

Massima attenzione alla posizione!

Generalmente, i lettini per bambini devono essere collocati in una posizione specifica all’interno della cameretta, in modo tale che il bambino si senta protetto e, allo stesso tempo, scopra progressivamente il mondo circostante magari guardando il movimento delle foglie degli alberi al di là della finestra o l’effetto di luci e ombre create dalle tende che svolazzano. Sebbene sia di fondamentale importanza che il bebè faccia le sue prime esperienze sensoriali, è necessario appurare soprattutto la comodità del materassino monitorandolo da sveglio per un po’ di tempo e valutando i suoi comportamenti. Il cuscino non deve essere troppo ampio o molto rigido per non rendere spiacevoli le ore di riposo e contrastando una perfetta crescita. Avere un lettino comodo, colorato e dalle giuste proporzioni aiuta a stimolare l’immaginazione e il cervello del pargoletto che sarà più recettivo nell’elaborare dati e segnali provenienti dall’ambiente circostante.

Come migliorare la propria salute con un sonno davvero riposante

materasso tammy

Dormire bene è un’attività da non sottovalutare assolutamente in quanto può avere diverse implicazioni sotto il punto di vista psico-fisico della persona. Riposarsi in modo corretto è una delle regole fondamentali per affrontare le sfide che quotidianamente la vita ci riserva. Eppure, molto spesso capita che pur riposando per un numero di ore ritenuto sufficiente, al mattino ci svegliamo senza energia e fiacchi. Da che cosa dipende? Innanzitutto, bisogna sfatare un mito e cioè che non esiste correlazione tra quantità di ore passate a dormire e qualità del sonno. Esistono alcune regole che permettono di migliorare quest’ultima e quindi di avere un sonno davvero riposante che si tramuta in un miglioramento della propria salute. Basta poco per dormire e riposarsi adeguatamente come ad esempio non mangiare molto prima di andare a dormire, non assumere caffè e alcol, non effettuare attività sportiva e così via.

Ma un altro aspetto che non bisogna sottovalutare è rappresentato dal materasso che insieme a rete e guanciali sono prodotti fondamentali per assicurare un corretto riposo al nostro organismo. Cerchiamo di orientarci tra i diversi modelli disponibili sul mercato per effettuare la scelta migliore, precisando che scegliere un buon materasso non vuol dire necessariamente spendere un capitale.
I modelli presenti sul mercato sono essenzialmente materassi a molle, materassi in lattice e materassi in Memory. Un prodotto che sta conquistando sempre di più il favore della clientela è rappresentato dal materasso Tammy. Si tratta di un prodotto di moderna concezione realizzato con l’innovativo materiale Memory Foam che fornisce non appena ci si distende sopra una piacevole sensazione di avvolgimento che elimina eventuali punti di non aderenza e che si modella totalmente al proprio corpo.

Rispetto ad un tradizionale materasso a molle ha il grosso vantaggio di non avere nessuna possibilità di cedimento della struttura qualora ad esempio le molle collassino nel tempo. Oltre a ciò bisogna considerare che avendo un materasso che aderisce perfettamente al corpo si riesce ad avere la garanzia di un riposo perfettamente ergonomico. La struttura del materasso Tammy è elastica e indeformabile, riuscendo a sopportare qualsiasi peso, mantenendo la schiena perfettamente dritta e favorendo la circolazione dell’aria, circostanza che assicura la traspirabilità della pelle. La pulizia di questo materasso è notevolmente semplice grazie alla facilità con la quale può essere sfoderato e lavato.

Scegliere Tammy vuol dire scegliere un materasso che si distingue per qualità e prestazioni superiori rispetto ai molti prodotti presenti in commercio. A ulteriore riprova di questa affermazione, basta pensare che il materasso Tammy gode della certificazione “Materasso di Alta Qualità Certificata” che è un’attestazione che il prodotto supera i requisiti standard previsti dalla normativa in termini di prestazioni, funzionalità, assenza di coloranti allergenici e cancerogeni e di formaldeide.

E’ inoltre un vero e proprio dispositivo per la salute (Dispositivo Medico CE di Classe 1) perchè assicura che non si formino, in caso di lunghe degenze a letto, le piaghe da decubito. In caso di acquisto, quindi, si potrà anche usufruire della detrazione fiscale del 19% da portare in dichiarazione dei redditi. Il materasso Tammy è in definitiva un prodotto dalle elevate prestazioni, realizzato con materiali qualitativamente eccellenti e rispondente in pieno alle certificazioni comunitarie.

Per poi sfruttare al massimo i vantaggi per la salute e la qualità del sonno che derivano da materasso Tammy, il consiglio è di acquistare anche la rete Tammy a doghe, e perché no anche il cuscino. Ed ora vi auguriamo un sonno salutare e pieno di comodità.

Devi installare i sanitari? Affidati alla nuova piattaforma Yougenio

servizi per la casa Yougenio

In tempi di ristrettezze economiche come questi è d’obbligo risparmiare e cercare qualunque strategia per spendere meno possibile. Quando si arreda la casa uno dei problemi principali è lo spostamento dei mobili e lo smaltimento di quelli vecchi, operazione altamente costosa e faticosa ma indispensabile, specialmente per alcune stanze. I sanitari vanno sempre e comunque cambiati quando si va a vivere in una nuova casa. Riuscire a trovare dei sanitari a buon prezzo non è difficile, il problema è l’installazione, perché non tutti i rivenditori la offrono e quando lo fanno generalmente ha un costo proibitivo. Su Yougenio il portale dedicato ai servizi per la casa puoi trovare il giusto aiuto per tutte le incombenze domestiche che possono capitare, compresa l’installazione completa di un bagno.

La comodità è che funge da punto di riferimento per ogni necessità e il sistema funziona tramite Internet, con un notevole risparmio di tempo e denaro. La gestione dell’intero servizio online è stata concepita per le persone moderne che non hanno tempo da perdere e vogliono servizi impeccabili a prezzi concorrenziali. Quando c’è bisogno di installare i sanitari basta acquistarli e lasciare tutto il lavoro di manodopera agli esperti di Yougenio.

Il risparmio sarà notevole, sia in termini economici che di tempo, perché le transazioni vengono fatte attraverso Internet e il telefono: basta solo farsi trovare a casa quando verranno idraulici e operai ad installare i sanitari. Il funzionamento di Yougenio è semplice: ci si iscrive nel sito, si sceglie il servizio di cui si ha bisogno, si prenota online e in breve arriveranno gli addetti a casa a fare un sopralluogo e un preventivo o direttamente il lavoro.

Nel caso dell’installazione di un nuovo bagno basta mettersi d’accordo fissando un appuntamento preliminare, concordare il prezzo ed è fatta: in men che non si dica avremo il bagno perfettamente montato da idraulici, piastrellisti e muratori. Il portale Yougenio collabora con le migliori aziende del settore a livello internazionale e presta servizio a Torino, Roma, Milano, Firenze e Bologna, ma si espanderà in breve tempo in tutta Italia. Oltre ad installare sanitari, si può usufruire di qualsiasi genere di servizio inerente alla casa e conviene, perché finalmente ci si leva il pensiero dei lavori domestici una volta per tutte. Qualsiasi operazione su Yougenio fa guadagnare punti, anche scrivere recensioni sul servizio ricevuto e invitare amici e conoscenti ad iscriversi. Per chi ancora non si dovesse fidare della tecnologia c’è un servizio telefonico con un numero verde disponibile, utile anche in caso di emergenza e pronto intervento.

Yougenio è disponibile anche sotto forma di regalo. Chi ha un amico o un parente che deve installare un bagno e non sa come fare a montare i sanitari può fargli la sorpresa di mandargli gli installatori a casa, idea simpatica, originale e certamente gradita. I servizi disponibili sono veramente tanti e per prenotarli è semplicissimo, perché c’è un wizard elementare e comprensibile anche da chi non ha mai acceso il computer. Le richieste sono già preimpostate, nella parte sinistra della home page ci sono le macro categorie e al centro della pagina due spazi con le domande già pronte e, se non c’è quella che interessa, basta selezionare Altri servizi. Nella parte sottostante bisogna scrivere l’indirizzo per fissare un appuntamento, ovviamente dopo essersi iscritti al portale con tutti i propri dati. Quello che una volta era l’operaio tuttofare oggi è stato sostituito dalla tecnologia Internet, basta avere uno smartphone e prendere un appuntamento con pochi clic senza bisogno di lunghe attese come capita spesso con gli operai professionisti. Avendo molto personale a disposizione, l’intervento è tempestivo e nel giro di poche ore si risolvono tutte le questioni, anche le più spinose.

I prezzi sono concorrenziali ed anche i pagamenti si effettuano tramite Internet ricevendo in seguito la fattura al proprio domicilio. Yougenio si sta espandendo a macchia d’olio in tutta Italia perché è un servizio pratico e risolve qualunque problema. Una volta bisognava avere un’agenda piena di numeri telefonici di operai vari, oggi c’è un solo numero verde di pronto intervento per tutto.