CategoriaBellezza

Come prevenire l’invecchiamento della pelle

invecchiare non è mai bello e nemmeno troppo gradito. Donne e uomini ogni anno spendono complessivamente migliaia di dollari per apparire più giovani, sani, forti e belli. L’industria della cosmetica e della bellezza non è mai stata messa in crisi, nemmeno nei momenti più bui. Questo perché ovviamente la gioventù è un valore, così come l’aspetto fisico (a dispetto di ciò che si pensa).

Si può invecchiare prima del tempo o in linea con la propria età, ma ci sono cause, nel primo caso, che scatenano questi effetti e che uno stile di vita più regolare può senza dubbio aiutare a tenere lontane.

Invecchiamento precoce dunque, che si scatena quando per esempio si beve alcol, si fuma, si fa poco servizio fisico, si è sempre stressati. Ma vediamo le cause un po’ da vicino.

L’invecchiamento precoce può essere causato da uno stile di vita scorretto, da abitudini sbagliate, come ad esempio fumare e bere, dall’esposizione al sole, ecc. Con l’invecchiamento precoce, la pelle diventa più rigida e fragile quando viene danneggiata dai radicali liberi o da abitudini sbagliate. Per questo i trattamenti di un centro estetico si basano proprio sul contrasto a queste pratiche.

Il numero di melanociti tende a diminuire con l’invecchiamento, che può rendere la pelle rigida e sfilacciata e meno protetta contro i raggi UVA.

In generale, l’invecchiamento può causare linee sottili, rughe, linee di invecchiamento, pelle fragile, occhiaie, debolezza, perdita della densità ossea.

Cause comuni di invecchiamento:

  • Radicali Liberi.
  • Consumo di troppi prodotti zuccherati.
  • Mangiare poca frutta fresca
  • Fumo e consumo di alcol.
  • Stili di vita eccessivi (orari sregolati)
  • Stress da lavoro o da relazioni personali o per motivi economici
  • Mancanza di sonno, sonno disturbato
  • Mancata protezione solare
  • Malattie come ipertensione, diabete, cancro
  • Condizioni come il colesterolo alto, asma, pre-diabete.
  • Uso eccessivo del telefono

In caso di invecchiamento prematuro o precoce, è possibile controllare il processo adottando uno stile di vita sano, ma in caso di invecchiamento naturale, non è possibile controllarlo completamente, tuttavia è possibile rallentare l’invecchiamento.

Ecco quindi alcuni efficaci consigli anti-età per l’invecchiamento precoce e naturale.

Bere molta acqua aiuta ad idratare la pelle. È uno dei modi più facili per apparire giovani e belli. L’acqua leviga le linee sottili, idrata la pelle che diventa luminosa e giovane. È inoltre necessario fare yoga e ginnastica per uno stile di vita sano. Allenamento e corsa aumentano il flusso sanguigno verso le cellule dell’epidermide, rendendola più giovane e sana.

Il fumo di solito causa un invecchiamento precoce. I prodotti chimici del tabacco possono danneggiare il collagene e l’elastina della pelle, rendendola meno soda e meno elastica. Il fumo diminuisce anche la quantità di acqua nello strato più esterno della pelle che può causare secchezza. Indebolisce i tessuti essenziali della pelle che causano rughe e linee sottili.

Allo stesso modo, l’eccesso di bevande alcoliche è dannoso anche per la nostra salute e per la pelle. Può causare scolorimento e problemi correlati alle rughe. Quindi, smettere di fumare e bere per la vostra salute è essenziale per la cura della pelle.

L’eccesso di qualsiasi cosa fa sempre male. Mangiare troppo zucchero o prodotti a base di zucchero può indebolire il collagene della pelle e causare rughe precoci. Tuttavia, l’esfoliazione con lo zucchero è estremamente valida per la vostra pelle che aiuta a rimuovere le cellule morte e le impurità. Per questo, non è male fare lo scrub con zucchero e limone, perché serve all’idratazione della pelle.

Le proprietà dell’olio di jojoba

Quali sono le proprietà dell'olio di jojoba?

 

Quali sono le proprietà specifiche dell’olio di jojoba? L’olio di jojoba è diventato famoso nel tempo grazie alle sue particolari caratteristiche che ne hanno fatto un prezioso alleato per curare la bellezza della pelle dei capelli. Questo olio ha anche grandi proprietà antisettiche, emollienti e nutrienti ed ecco spiegato perché è uno dei più grandi alleati per la pelle.

C’è una caratteristica, però, che rende l’olio di jojoba molto diverso rispetto agli altri olii vegetali conosciuti. Parliamo della sua struttura a livello di molecole, che lo rende molto simile all’olio prodotto dalle nostre ghiandole sebacee. In sostanza, l’olio di jojoba, per composizione, è molto simile al sebo prodotto dal corpo umano.

Ricco di acidi grassi, vitamina A, vitamina B e vitamina E, l’olio di jojoba può essere utilizzato sulla pelle in versione pura, per rendere la pelle più liscia e morbida, oppure può essere utilizzato con l’aggiunta di olii essenziali profumati. Proprio per le sue proprietà che lo rendono molto simile al sebo prodotto dalle ghiandole umane, la nostra pelle tende ad assorbirlo molto facilmente.

L’olio di jojoba è particolarmente indicato a chi ha la pelle molto secca o che tende a screpolarsi con una certa facilità. È anche utilizzato come base per la preparazione di creme anti-rughe, perfetto restituire alla pelle l’elasticità perduta nel corso del tempo.

Per acquistarlo nella sua versione più pura, e quindi più naturale, è sufficiente recarsi presso la propria erboristeria di fiducia, ma in ogni caso è bene fare attenzione all’etichetta. Se desiderate un prodotto il più possibile naturale, è necessario verificare che nella preparazione non sia stati aggiunti altri olii vegetali meno pregiati, che abbasserebbero inevitabilmente la qualità del prodotto.

Quando si parla di olii vegetali molto pregiati, gli usi sono davvero molti. L’olio di jojoba può essere utilizzato anche per prevenire la comparsa delle smagliature, soprattutto durante la gravidanza, purché sia utilizzato con costanza, per permettere alla pelle di assorbirlo in profondità e per per permettere all’olio di sprigionare tutte le sue proprietà elasticizzanti.

In alternativa, potete utilizzare l’olio di jojoba anche per un massaggio rilassante, drenante o stimolante della circolazione o in sostituzione della tradizionale crema per il corpo che si applica dopo la doccia. Per un maggiore assorbimento, è sempre consigliabile spalmare l’olio di jojoba sulla pelle ancora bagnata, meglio ancora quando siete ancora all’interno della doccia.

Delicato e pregiato, l’olio di jojoba può essere utilizzato anche per lenire il rossore da pannolino nei neonati: la pelle risulterà subito meno arrossata e più morbida. Ovviamente, tra i tanti benefici dell’olio di jojoba non possiamo non parlare del toccasana che rappresenta per la pelle del viso.

Per la pelle del viso l’olio di jojoba è un prezioso alleato contro le occhiaie e per aiutare la pelle a rigenerarsi e a mettersi al riparo dagli stress giornalieri. Anche per gli uomini l’olio di jojoba può diventare un buon alleato, soprattutto per chi ha una pelle molto irritata dopo la rasatura; basta applicare l’olio di jojoba all’occorrenza, massaggiare delicatamente e lasciare assorbire per donare freschezza e idratazione alla pelle.

E per chi utilizza il make up giornalmente ed è sempre alla ricerca del prodotto giusto per preparare la pelle prima dell’applicazione del fondotinta, ecco che l’olio di jojoba può fare al caso vostro. È infatti ottimo anche come base per il trucco e rappresentare una buona base per la pelle anche prima dell’applicazione della crema solare. Anche se non ha vere e proprie proprietà anti UVA, l’olio di jojoba idrata la pelle prima dell’esposizione.

Ci sono poi i numerosi benefici che l’olio di jojoba apporta ai capelli. Usato prima dello shampoo, per esempio, l’olio di jojoba assicura alla chioma una regolare produzione di sebo, lenisce il prurito e addolcisce il cuoio capelluto. L’olio di jojoba sui capelli ha anche un buon effetto anti-caduto e si può applicare come trattamento dopo shampoo per ridurre le doppie punte e preparare i capelli alla piega o all’asciugatura.

Like Make up: il make up center della make up artist!

like make up

Like Make Up nasce con l’obiettivo di assistere il cliente nella scelta di un prodotto cosmetico, adatto a lui e alle proprie esigenze. Nella vasta gamma di brands, che ogni anno propongono nuove collezioni, in diverse stagioni e con diverse referenze, il cliente è portato a farsi confondere da tutto ciò che gli viene mostrato; è normale, il più delle volte, entrare in una semplice profumeria, non sapere cosa scegliere e cercare di fare la scelta giusta affidandosi alle commesse di turno che non sempre hanno le competenze o la preparazione specifica per dirottare il cliente sul giusto prodotto o su ciò di cui ha bisogno. Spendere soldi, comprando un prodotto che viene proposto e fidarsi perché non si sa dire di no, è alquanto comune.

Like Make Up, quindi, si propone di arginare tutto ciò, per soddisfare le esigenze e le richieste specifiche del cliente. Scegliere un prodotto adatto, indicato per le proprie problematiche è fondamentale sia per ottimizzare l’acquisto che per fidelizzare il cliente.

Like Make Up è anche un make up center, un centro dedicato al trucco per ogni tipo di occasione: cerimonia, sposa, una ricorrenza particolare o, semplicemente, se si ha voglia di vedersi in modo diverso, facendosi truccare da una professionista del settore che, per quel giorno, strutturerà un make up look personalizzato in base alla gamma cromatica della cliente ma, anche, in base all’outfit. Il trucco deve risultare luminoso, fresco, minimizzando le imperfezioni, deve essere waterproof e a lunga tenuta, soprattutto la cliente non deve vedersi trasformata ma valorizzate, deve potersi riconoscere nel look finale, deve sentirsi a suo agio.

Un make up look pensato e creato per una persona deve tenere conto sia delle richieste della cliente che rispondere a delle tecniche di base del trucco; l’ideale, non sempre facile da realizzare, è quello di creare un connubio tra ciò che la cliente desidera, o desidererebbe, e ciò che le sta bene; da Like Make Up ciò è possibile perché si avvale della competenza di una professionista preparata, Floriana Villano, le cui tecniche e le cui conoscenze del make up sono in continuo aggiornamento, un costante work in progress finalizzato a fornire al cliente sempre il giusto grado di soddisfazione, con tecniche e prodotti di ultima generazione, sempre all’ avanguardia e di tendenza.

Le tecniche del make up sono tante e ognuna va collocata all’ interno di un make up look, che sia da giorno, da sera, da sposa, da cerimonia, il trucco va sempre contestualizzato, è un equilibrio di armonie cromatiche, ci vuole la giusta conoscenza ma anche la preparazione adeguata per miscelare il tutto e far sì che il cliente si riconosca nel make up look richiesto, che deve essere sì naturale e soddisfacente ma anche ben realizzato e tecnicamente corretto. Da Like Make Up, centro che nasce appositamente per questo tipo di circostanze, è possibile progettare e costruire step by step il trucco più adatto, quello che stia meglio al viso di una persona, sia a livello tecnico, applicando le giuste e appropriate correzioni viso, sia a livello cromatico, i colori devono donare al volto di una persona, essere in equilibrio con la gamma cromatica di partenza, colore di occhi e capelli, non bisogna oltrepassare, con l’uso di fondotinta e correttori, la tonalità della pelle del viso; i colori, inoltre devono sia dare sia vivacità, al lavoro complessivo, ma anche luminosità, devono accendere il volto di una luca naturale che contribuisca a conferire al viso un aspetto fresco e sano, in questo modo si eviterà l’uso spropositato di quantità di prodotti per cercare di coprire imperfezioni, e altro, con l’unico risultato di ottenere un effetto mascherone, alquanto sgradevole e innaturale, dove lo stesso cliente avrà difficoltà a riconoscersi.

Cosa devi sapere  sulle tisane dimagranti naturali

Cosa sapere sulle tisane dimagranti naturali

Perdere peso è difficile. Implica una grandissima forza di volontà e richiede grandi sacrifici  ma non impossibile. Un’alimentazione sana e un allenamento regolare sono sicuramente la giusta direzione per il raggiungimento di questo obiettivo. Tuttavia integrare la propria dieta e l’esercizio fisico con un supplemento naturale può contribuire a rendere questo tuo percorso meno accidentato, più semplice e meno stressante. Per questo motivo bere tisane dimagranti appositamente pensate per questo scopo sta diventando una pratica sempre più diffusa.
Cosa c’è di più semplice nel perdere i chili di troppo stando comodamente seduti davanti ad una tazza di Tè caldo?

In realtà, non tutte le tisane hanno lo stesso potere dimagrante e non sempre se ne consiglia un’assunzione prolungata nel tempo. Proviamo a chiarire attraverso 6 punti quale scelta compiere per ottenere i migliori risultati nel minor tempo possibile.

1. Cosa sono le tisane dimagranti?

Le tisane dimagranti sono più di un semplice “tè del pomeriggio”. Infatti contengono numerosi composti che favoriscono la naturale perdita di peso.

Di norma, gli ingredienti presenti nelle tisane dimagranti sono caffè verde, caffeina, radice di  liquirizia, tè verde, radice di tarassaco e altre tipologie di erbe.

Normalmente questo tipo di bevande sostengono tra gli effetti benefici, la riduzione dell’appetito, l’aumento dei livelli di energia, la pulizia del colon evitando di agire direttamente sul grasso corporeo.

2. Quali assumere?

Come regola generale, è sempre bene preferire tisane con poche erbe, ovviamente tutte naturali. Infatti la regola principale è quella di non acquistare, né consumare prodotti la cui composizione non sia chiara o che preveda una componente chimica predominante come ad esempio la senna, particolarmente diffusa in tisane dimagranti, che ha come controindicazione l’irritazione dell’intestino crasso e di norma genera un effetto lassativo fastidioso.

Per questo è sempre bene leggere l’etichetta informativa del prodotto prima di compiere la scelta ed orientarsi verso prodotti che presentino la più alta componente naturale.

3. Quando assumerle?

È sufficiente bere tra 1-3 tazze al giorno preferibilmente lontano dai pasti. In genere, le tisane dimagranti non menzionano nessuna  dieta o esercizio fisico particolare di accompagnamento. Inoltre, svolgono leggeri effetti lassativi e diuretici e quindi è bene non esagerare con l’assunzione del prodotto oltre la quantità raccomandata.

4. Sono sicure?

Ovviamente gli effetti generati dalle tisane dimagranti variano da persona in persona. Tra gli effetti indesiderati si segnalano nervosismo o disturbi addominali e mal di testa. È bene sempre affidarsi a prodotti naturali che  assicurino il massimo rispetto del naturale funzionamento dell’organismo.

5. Benefici e Conseguenze

Il consumo di tisane dimagranti ha sicuramente molti effetti positivi sull’organismo umano, come ad esempio l’aumento del metabolismo, il miglioramento della  circolazione sanguigna, una potente funzione detox del fegato mantenendo inoltre sotto controlli i livelli di colesterolo e di zucchero presenti nel sangue. Tra gli effetti collaterali, rari,  ma pur sempre possibili, segnaliamo nausea, mal di testa, insonnia, aumento della frequenza cardiaca e fatica.

6. In conclusione: Funzionano?

Siamo giunti alla domanda fatidica:  Funzionano davvero queste tisane o sono solo pubblicità?  É indubbio che svolgono un’azione di supporto all’organismo nella perdita di peso, agendo non tanto sul grasso ma sui meccanismi corporei che ne favoriscono la naturale perdita di peso come il miglioramento di alcune funzioni intestinali, o una maggior azione contrastante dei liquidi corporei. Tuttavia è di fondamentale importanza accompagnare l’assunzione di queste tisane ad uno stile di vita più sano, che preveda una dieta ipocalorica ed una moderata attività fisica. Ma i risultati in questo caso saranno più che garantiti.

Se anche tu stai cercando un metodo e un aiuto per perdere efficacemente i chili di troppo, senza il canonico stress prodotto da rigidi regimi alimentari imposti dalle diete dimagranti, le tisane dimagranti possono essere un valido aiuto per eliminare il grasso in eccesso in maniera del tutto naturale e senza controindicazioni.

Chirurgo estetico per Avellino e Salerno: un’opportunità per tutti

Antonio Testa, Medico chirurgo

A causa dell’età che avanza o per il desiderio di modificare quella zona del corpo che non piace tanto, sono sempre di più i giovani ma anche gli adulti che scelgono di sottoporsi ad un intervento di chirurgia estetica specifico per risolvere quella problematica. Un ritocchino mirato a quella zona del corpo che, se ben eseguito, non risulta volgare e conferisce bellezza e armonia allo stesso tempo. Chiaramente, per affrontare un’operazione senza stress e ansie particolari, è necessario affidarsi a mani esperte e di esperienza, come quelle di Antonio Testa uno tra i migliori chirurghi estetici operanti su Avellino e Salerno. Grazie al suo percorso formativo all’estero, con tappa nel Regno Unito e in Germania, il Dr. Testa ha avuto modo di affinare le proprie tecniche, ispirandosi alle metodologie innovative mondiali nel campo della chirurgia estetica.

Un professionista stimato, appassionato della materia, ben documentato su tutte le tecniche innovative nel campo della medicina e chirurgia e soprattutto molto attento ai bisogni dei propri pazienti. Ogni paziente, infatti, viene guidato passo dopo passo prima e dopo l’intervento attraverso l’aiuto di uno staff medico altamente specializzato.

Consigli utili su come prepararsi ad un intervento

Prima di sottoporsi ad un’operazione, lo specialista instaura una sorta di rapporto confidenziale con il proprio cliente per capire più in profondità le ragioni per cui vuole eseguire l’intervento. Una volta presa la decisione, al paziente verrà illustrata l’intera situazione dei benefici ed eventuali effetti indesiderati che potrebbero scaturire dall’operazione. Verranno prese tutte le precauzione del caso e, soprattutto, prima di operare verrà fatta un’accurata analisi dello stato di salute del paziente per un buon esito dell’intervento.

La metodologia del chirurgo estetico

Tutti  coloro che sono interessati a correggere un difetto del proprio fisico o fare semplicemente un ritocchino per sembrare più giovani e belli, possono chiedere una consulenza al chirurgo estetico che esercita la sua attività su Avellino, Salerno e altre zone limitrofe. Per chi deve sottoporsi ad operazioni chirurgiche può tranquillamente recarsi presso la sua sede operativa a Montoro, in provincia di Avellino, per avere un trattamento di medicina e chirurgia ritagliato su misura.

Sul sito è ben illustrata la lunga lista di trattamenti ed operazioni a cui è possibile sottoporsi, con una descrizione completa e dettagliata in modo da far comprendere al cliente i punti salienti dell’intervento. Il fine ultimo del medico non è tanto quello di vendere una prestazione, ma di vedere soddisfatto il proprio paziente il quale, attraverso un lavoro eseguito a regola d’arte, otterrà nuovamente serenità e fiducia in se stesso. Questo “modus operandi” è la chiave del successo del Dr. Testa che si rivela un ottimo biglietto da visita per chi è intenzionato a sottoporsi a un intervento di chirurgia correttiva. Adoperando tecniche e metodologie all’avanguardia nel campo della medicina e chirurgia estetica, lo specialista è in grado di offrire ai propri pazienti un elevato grado di tranquillità e un risultato finale eccellente, avendo già nel proprio palmares una lunga lista di operazioni eseguite alla perfezione e con la massima soddisfazione dei propri pazienti.

Che cos’è la fangoterapia?

Che cos'è la fangoterapia?

La fangoterapia è un trattamento curativo ed estetico a base di fango, che viene utilizzato per rimuovere i liquidi in eccesso, che vengono trattenuti soprattutto nei tessuti dei fianchi, addome e gambe. I fanghi sono una melma realizzata mediante l’associazione di una componente liquida (acqua termale o minerale) con una solida, ed utilizzati sotto forma di impacco. Di base, la componente solida è composta da sostanze organiche ed inorganiche, come l’argilla (inorganica) e microflora (batteri, diatomee, alghe e protozoi). Nella componente liquida, invece, distinguiamo l’acqua contenuta nel fango, che lo impregna nel giacimento di origine, e l’acqua minerale in cui viene fatto maturare il fango. Prima di essere utilizzato, infatti, il fango grezzo viene sottoposto ad un processo particolare, detto proprio “maturazione“. I fanghi provenienti dalle sorgenti, vengono immersi per un periodo lungo di tempo in acqua minerale per “macerazione“. L’acqua minerale, oltre a mineralizzare il fango, contribuisce attraverso l’apporto di alghe e microorganismi, nel processo di maturazione.

Come funziona la fangoterapia

Alla base della fangoterapia c’è il fango “maturo”, che svolge la sua azione attraverso 4 principali fasi: l’applicazione, il bagno nelle acque termali, la sudorazione e il massaggio tonificante. Il fango si applica sulla pelle direttamente ad una temperatura compresa tra i 37 e i 38 °C, per un periodo di tempo che varia tra i 15 ed i 30 minuti. Il paziente, al termine dell’applicazione, dopo essersi sottoposto ad una doccia calda, si immerge in un meraviglioso bagno termale, le cui acque si trovano più o meno alla stessa temperatura del fango, per una decina di minuti circa. Infine, si asciuga con panni caldi. Il fango ha una capacità calorica, ossia il potere di dispersione o di accumulo del calore, quando viene a contatto con la pelle. Ma effettivamente a cosa serve la fangoterapia? Questa tecnica si dimostra incredibilmente efficace per diversi disturbi e offre un’azione disintossicante per il corpo, antinfiammatoria sulle ossa e rimineralizzante per l’organismo. Ne traggono beneficio anche cartilagini e articolazioni, e riscontrano un effetto positivo coloro che soffrono di artrosi, artrite o reumatismi. Molto efficace, si rivela anche per le forme croniche di infiammazione, quali dolori e infiammazioni muscolari, tendiniti e artrosi articolari.

Per chi è la fangoterapia

Dati gli effetti benefici appena elencati, si può affermare che la fangoterapia sia molto utile per curare tutti quei casi di dolori articolari, ad esempio è consigliata per chi soffre di artrosi della mano, ma anche del ginocchio, dell’anca, del piede e della colonna vertebrale. Si rivela ottima anche per i soggetti affetti da reumatismi, o lussazioni e distorsioni. L’ideale, sarebbe svolgere dei cicli di fangoterapia almeno una volta all’anno. Tuttavia, è necessario ricordare che pur non essendo un trattamento medico, la fangoterapia non è adatta a tutti. Le controindicazioni principali per l’uso dei fanghi come trattamento medico o cosmetico, sono cardiopatie gravi, problemi circolatori, ulcere emorragiche, epilessia, gravidanza e artropatie acute. In Italia non esiste la figura di fangoterapeuta. Ma ci sono molti medici e specializzati in questo tipo di cura, che offrono conoscenze adeguate per la risoluzione di varie problematiche.

Contrastare la cellulite con l’alimentazione

Contrastare la cellulite con l'alimentazione

Eliminare le bevande gassate e gli alcoli, ridurre l’assunzione di fritture e grassi, consumare molta frutta e verdura e bere almeno due litri d’acqua al giorno per combattere la ritenzione idrica: attraverso questi accorgimenti alimentari la cellulite può essere contrastata o rallentata.

CONTRASTARE LA CELLULITE CON L’ALIMENTAZIONE

Inestetismo diffuso tra le donne di ogni età, la cellulite rappresenta un problema che può essere alleviato attraverso l’alimentazione. Premesso che non esista una dieta totalmente risolutiva e magica che permetta di far scomparire completamente la cellulite, è vero che una strategia alimentare corretta consente di ridurre questo problema eliminando il grasso in eccesso. Gli effetti benefici di un’alimentazione corretta saranno amplificati se sarà accompagnata da trattamenti cosmetici appositi e da una costante e regolare attività fisica.

Disintossicare l’organismo

Sono diversi i fattori che predispongono alla cellulite: disfunzioni ormonali, cattiva circolazione sanguigna e accumulo eccessivo di tossine e di tessuto adiposo. Un regime alimentare che si propone di sconfiggere la cellulite, dunque, non può prescindere dalla rimozione dell’eccesso di tessuto adiposo e da una disintossicazione dell’organismo.

Il fabbisogno energetico

La quantità di calorie assunte in una giornata rappresenta, in questo senso, un punto di riferimento importante, ma non un vincolo dal quale non è possibile staccarsi. Il fabbisogno energetico varia da persona a persona, e anche per uno stesso soggetto cambia a seconda delle abitudini di vita, per esempio se si svolge attività fisica, sarà normale assumere una quantità maggiore di calorie.

Di quante calorie abbiamo bisogno?

Il calcolo del quantitativo di calorie necessario al nostro organismo si basa sul metabolismo basale. In alternativa, è possibile seguire le seguenti formule, che, pur essendo meno precise, risultano comunque affidabili: il numero di calorie di cui ha bisogno una persona attiva, che svolga in una settimana almeno cinque sessioni da quaranta minuti di allenamento aerobico, si ottiene moltiplicando il proprio peso in chili per 44; il numero di calorie di cui ha bisogno una persona moderatamente attiva, ovvero che svolge in una settimana tre o quattro sessioni da quaranta minuti di allenamento aerobico si ottiene moltiplicando il proprio peso in chili per 38. Per sapere di quante calorie ha bisogno una persona sedentaria o che comunque svolge un’attività fisica molto ridotta, si ottiene moltiplicando il proprio peso in chili per 31.

Quali alimenti consumare

Naturalmente, il quantitativo di calorie assunte in una giornata da solo non basta: è necessario sapere anche quali sono gli alimenti da consumare e quali quelli da evitare. Nella lotta alla cellulite, ruolo principale assumono frutta e verdura, soprattutto gli ortaggi che contengono acido ascorbico, ovvero la vitamina C che favorisce la resistenza dei capillari sanguigni. È consigliabile introdurre nella propria dieta verdure fresche quali spinaci, lattuga, broccoli e radicchio, frutta fresca come ananas, agrumi, ciliegie, fragole e kiwi, tuberi come le patate meglio se novelle, e ortaggi freschi come pomodori, cavolfiori, cavoli e peperoni. Da non sottovalutare, le proprietà benefiche di cicoria, indivia, finocchi, carciofi, meloni, angurie, cetrioli e pesche, che hanno notevoli effetti diuretici. Tali alimenti, inoltre, possono anche essere assunti sotto forma di passati, concentrati, succhi e tisane. Tra gli alimenti che contengono poco sodio e favoriscono la scomparsa della ritenzione idrica agevolando il drenaggio di liquidi, vanno segnalati i funghi, le albicocche, le mandorle, i datteri, i fagioli, la farina d’avena, l’uvetta, i piselli, il riso e i broccoli.

Le tisane

I rimedi di derivazione fito-terapica più utili in questo campo sono il pungitopo, la centella, l’ippocastano, il meliloto e il mirtillo, che esercitano un’importante azione di protezione del micro-circolo. Guaranà, tè verde, arancio amaro, caffè, fucus, yohimbe e garcinia, invece, facilitano la riduzione della cellulite in virtù della loro azione termogena, mentre pompelmo, prugne o frutti di bosco sono molto ricchi di antiossidanti.

Cosa bere

Un’alimentazione anti-cellulite prevede anche l’assunzione di almeno due litri di acqua al giorno, dato che un’idratazione agevolata aiuta a smaltire la ritenzione idrica, soprattutto d’estate, quando si suda molto, e quando si nota che le proprie urine hanno un odore cattivo o un colore troppo scuro. Durante i pasti è consigliabile bere acque oligominerali. Iniziando a bere molto, si noterà subito un aumento considerevole della diuresi: una reazione normale dell’organismo, destinata a scomparire nel giro di pochi giorni, e che può essere limitata bevendo a piccoli sorsi. Naturalmente le bevande alcoliche e quelle gassate come aranciate, cedrate, cola, eccetera vanno messe al bando perché contengono una notevole quantità di zuccheri, e lo stesso vale per tè e succhi di frutta, mentre è meglio usare un dolcificante se si beve caffè.

Quali alimenti evitare

Così come per le bevande, vanno messi al bando tutta una serie di alimenti altamente nemici della linea. Il primo nemico da bandire è il sale, responsabile dell’aumento della ritenzione idrica: l’apporto di sale può essere ridotto evitando di consumare insaccati e cibi preconfezionati, e condire le pietanze con olio, limone, spezie o aceto. Anche quando si cuoce la pasta, è meglio aggiungere il sale solo quando la cottura è terminata, così da limitarne la quantità assorbita dalla pasta. Sono banditi anche gli alimenti conservati sotto sale, come patatine e formaggi, ed è consigliabile sostituire gli snack salati con la frutta. Vanno evitati anche i superalcolici, i cibi affumicati, i fritti, i formaggi molto grassi, gli insaccati e i dolci.

Uno strappo alla regola

Uno strappo alla regola ogni tanto può essere concesso, purché non si cronicizzi. L’importante è far seguire allo strappo un momento di purificazione per eliminare le tossine attraverso il consumo di acqua, frutta e verdura. Inoltre, durante questo periodo la carne dovrà essere sostituita dal pesce che risulta anche più digeribile, mentre l’olio d’oliva dovrà essere consumato solo a crudo. Una tisana purificante, accompagnata magari da un bagno turco, contribuirà a eliminare completamente le tossine.

Come contrastare la cellulite con il rosmarino

Come contrastare la cellulite con il rosmarino

Conosciuta fin dall’antichità, la pianta di rosmarino viene prevalentemente utilizzata a tavola per aromatizzare le pietanze più disparate. Eppure il rosmarino ha notevoli qualità estetiche e curative: grande alleato della circolazione sanguigna, trova largo impiego nei problemi come la cellulite, gonfiori, ritenzione idrica. Seguiteci e vi mostreremo com’è semplice ed efficace contrastare la cellulite con il rosmarino, attraverso il suo prezioso olio essenziale e la preparazione di tisane e decotti anti buccia d’arancia.

Contrastare la cellulite con il rosmarino

Il rosmarino è una pianta mediterranea aromatica, indispensabile in ogni cucina italiana che si rispetti, con il suo inconfondibile aroma insaporisce i cibi e ne esalta i sapori. Considerato anche come uno dei rimedi naturali più ricchi di qualità benefiche, viene spesso impiegato per la cura e bellezza del corpo femminile, per combattere i tanto odiati e temuti inestetismi della cellulite.
Originario dei paesi mediterranei il rosmarino, scientificamente chiamato come Rosmarinus officinalis, è un piccolo arbusto sempre verde, della famiglia delle Lamiacee. Di facile coltivazione, è una pianta rustica e resistente, che può essere tranquillamente coltivata in vaso, sul terrazzo o sul balcone, con la sola accortezza di ripararla dal gelo invernale.
Ricco di proprietà benefiche contenute nel suo olio essenziale, a cui si deve l’intenso profumo caratteristico, viene sfruttato per le sue capacità antisettiche, antinfiammatorie, e impiegato come ingrediente principale nei prodotti cosmetici e nei fanghi, contro l’adiposità localizzata e cellulite, grazie ai principi attivi stimolanti come: flavonoidi, pinene, canfene, e cineolo.

Rimedi naturali a base di rosmarino

Contrastare la cellulite con il rosmarino è estremamente facile in virtù della sua azione sciogli grasso (lipolitica), stimolante della circolazione e drenante sul sistema linfatico, ed anche economico, se lo si fa attraverso alcune soluzioni veloci da realizzare in casa, potendolo utilizzare sia per uso esterno, per massaggiare le zone critiche, sia per uso interno con decotti o infusi. Ecco alcuni esempi pratici:

Decotto di rosmarino

Per la preparazione di questo decotto, occorrono dieci foglie, circa, di rosmarino e una tazza d’acqua. Versate l’acqua insieme alle foglie di rosmarino all’interno di un pentolino e portate ad ebollizione, (naturalmente le foglie dovranno essere precedentemente ben lavate), per poi provvedere al filtraggio. Terminato ciò, potete bere tranquillamente il vostro decotto di rosmarino, che consigliamo di assumerlo dopo i pasti, per tre volte al giorno.

Olio da massaggio anticellulite

Per sfruttare al meglio le qualità degli oli essenziali anticellulite, è necessario unirli ad uno o più olii vegetali veicolanti Gli oli essenziali, teoricamente, non dovrebbero mai essere impiegati puri sull’epidermide, essendo molto concentrati, potrebbero provocare arrossamenti, irritazioni ed allergie. Detto ciò, per una realizzazione più pratica ed economica del vostro olio, volendo, potete utilizzare un solo tipo di veicolante come l’olio di mandorla o di riso, basta versare: 50 ml di olio vegetale a vostra scelta in un flaconcino di vetro scuro, per proteggerlo dalla luce, aggiungere 20 o 26 gocce di olio essenziale di rosmarino, chiudere la bottiglina e agitare un po’. Per far penetrare l’olio, inumidite la pelle e massaggiate con movimenti lenti e fluidi, dal basso verso l’alto, in questo modo i tessuti verranno tonificati e la circolazione stimolata.

Moda donna: i must della stagione autunno/inverno

Abbiamo già scoperto dalle passerelle più importanti di Milano, Parigi, New York e Londra, quali saranno le tendenze per la prossima stagione autunno inverno 2015 – 2016. Tra la passata stagione e quella corrente possiamo notare una certa continuità per quanto riguarda i materiali utilizzati e i colori. Infatti domineranno la stagione il rosso in tutte le sue varianti come il bordeaux, il marsala ma anche il rosso più acceso che troveremo soprattutto in abiti e gonne. Per quanto riguarda i colori, da prendere in considerazioni anche i grandi classici dell’autunno, come ovviamente il marrone e l’ocra. Tornerà il look total black e l’argento silver, non solo per l’abbigliamento ma anche per i bijoux.

Moda donna nel dettaglio

Per avere solo il meglio dei trends della stagione, fatevi sedurre dai grandi marchi messi a disposizione dallo store online Fargetta Abbigliamento, che sceglie e seleziona sempre e solo il meglio, solo per voi. Possiamo individuare alcuni fattori di continuità tra l’anno scorso e quest’anno, iniziando dal maglione ed il cardigan oversize e rigorosamente di lana. Ma il cosiddetto maxi e over, ereditato dagli anni 80, non si ferma qui, poiché lo ritroveremo anche nelle giacche, nei cappotti, negli slack pants, nelle longuette e nelle gonne, anche loro molto ampie fino al ginocchio.

Ma ci sarà anche un’opportunità per chi ama il corto, poiché non mancheranno gli abiti extra mini, soprattutto glitterati e in metallico. Per quanto riguarda le scarpe invece, resistono ancora le francesine stringate e gli immancabili stivali per i giorni piovosi con tonalità scure. I tacchi ovviamente si, come sempre, ma fate attenzione non a spillo anzi abbastanza spessi. Gli accessori non devono essere mai banali, quindi dimentichiamoci delle borse mini e lasciamo spazio alle maxi borse rigide e squadrate con manico. Il materiale della borsa, ovviamente, varia a seconda del materiale utilizzato nell’abbigliamento: abbinare è un obbligo. Questo ed altro, sarà disponibile nello store Fargetta Abbigliamento, che oltre la moda donna si occupa anche degli uomini.

Spazio anche alla moda uomo

Tutto ciò che influenza la moda donna si ripercuote un po’ anche nella moda uomo, anche loro, infatti, quest’anno indosseranno cardigan e maglioni oversize di lana. Troveremo anche qualche evergreen come il doppiopetto e la camicia a quadroni da taglialegna. Tornando anche i pantaloni con le pinces e le pellicce, ma il must have della stagione, per gli uomini, sarà il cappotto cammello. Anche in questo frangente domina il colore rosso e immancabili anche nel guardaroba dell’uomo gli scarponi per i giorni piovosi.

Insomma Fargetta Abbigliamento vi darà ciò che cercate, ma sempre in linea con le ultime tendenze di stagione e con lo sguardo sempre attento verso le più grandi passerelle.

Eliminare il gonfiore addominale: come procedere?

Come eliminare il gonfiore addominale

Il gonfiore addominale non è una patologia gravissima ma questo non vuol dire che possa o debba essere sottovalutata. E’ un problema che colpisce una percentuale di italiani stimata intorno al 10% e che riguarda soprattutto le donne. Periodi stressanti oppure l’imminente arrivo del ciclo mestruale sono, di solito, i sintomi maggiormente comuni per le donne che soffrono di gonfiore addominale.

Si tratta, però, di un problema che riguarda anche gli uomini e che si riscontra dalla presenza in abbondanza di adipe. Una corretta alimentazione, insieme ad altre buone abitudini, aiuterebbe a prevenire problemi di questo tipo. Scopriamo insieme come eliminare il gonfiore addominale.

Alcuni utili consigli

Ci sono alcuni utili consigli che riguardano il proprio stile alimentare e le proprie abitudini di vita e che potrebbero aiutare a prevenire e a combattere il problema relativo al gonfiore addominale. Ovviamente, ogni caso può essere diverso da un altro e per pareri maggiormente dettagliati è sempre bene rivolgersi al proprio medico di fiducia.

Ci sono alcuni prodotti che in passato venivano consigliati per combattere questi problemi e che anche oggi potrebbero rivelarsi molto utili. Uno di questi è, ad esempio, il peperoncino. E’ opinione comune che il peperoncino aiuti e favorisca una corretta digestione e l’assorbimento delle sostanze nutritive. Si rivela, inoltre, utile per eliminare gas e tossine. Se il peperoncino ha queste capacità è per via della presenza, al suo interno, di una sostanza che prende il nome di capsaicina.

Chi soffre di gonfiore addominale potrebbe optare per prodotti a base di finocchio o per bevande come le tisane al finocchio. Anche il finocchio, infatti, aiuta a digerire meglio e a prevenire i gonfiori. I finocchi e le tisane al finocchio possono essere assunte sia cotti che crudi, sia calde che fredde.

Occhio alle bevande. Spesso, si commette l’errore di bere bibite eccessivamente gassate al posto di altre bevande che produrrebbero certamente effetti benefici per l’intestino. Non c’è nulla di meglio dell’acqua, possibilmente naturale e non minerale. Spesso, infatti, è proprio la ritenzione idrica la causa dei gonfiori addominali e potrebbe essere sconfitta proprio assumendo maggiori quantità di acqua.

Mangiare cibi nei quali sono presenti molte fibre potrebbe rappresentare un buon rimedio contro il gonfiore addominale. Ad esempio, un frutto come la mela è sempre consigliato, come conferma anche un antico detto. La digestione viene favorita tramite l’assunzione di mele le quali permettono, dunque, di prevenire il problema della pancia gonfia.

Spesso, gli esperti consigliano l’utilizzo del carbone vegetale attivo che si può trovare in erboristeria o sotto forma di capsule o di tavolette. Tisane all’anice o tisane preparate con l’impiego della radice di zenzero potrebbero rappresentare altri rimedi importanti per chi soffre di gonfiore addominale.

No alla vita sedentaria, sì al movimento

Fare movimento e praticare attività sportiva è importante dal punto di vista fisico per tantissimi motivi, anche per prevenire o combattere i gonfiori addominali. Più ci si muove maggiore è la possibilità che la digestione avvenga nella maniera migliore.

Non bisogna, infine, tralasciare un aspetto legato alla digestione e ad una cattiva abitudine che accomuna molte persone. Spesso, infatti, si ha il vizio di masticare in modo troppo veloce mentre una masticazione lenta permette di digerire meglio.