CategoriaNews

Frequentare un corso di formazione per massaggiatori

Le opzioni di lavoro per chi abita al Sud sono sempre meno, lo dicono le ricerche dell’ISTAT e dell’EUROSTAT: il Meridione d’Italia è una delle zone europee maggiormente depresse, dove la domanda latita e tanti giovani non trovano né lavoro, né opportunità di qualsiasi tipo. Non può sorprendere che siano tanti i giovani destinati a lasciare il nostro paese o che già lo fanno, in quanto non hanno alternative.

Ci sono professioni “fai da te” che possono essere svolte, in ragione del fatto che la formazione offerta è sufficiente qualificante per trovare lavoro. Ma da cosa dipende la dinamica dell’offerta? Prendiamo un settore: quello del benessere e della salute. Tra le professioni che in futuro riceveranno un aumento della domanda, ci sono quelle legate alla cura della persona. Ci sono settori come il turismo delle spa e dei centri benessere che non sembra tramontare mai, perché sfrutta due canali: uno quello stagionale, immaginiamo il classico pacchetto vacanza in località termali note come Ischia o Salsomaggiore Terme. Trascorre 7-10 giorni in cui fa un ciclo termale completo con docce e bagni, fanghi, antroterapia e massaggi. Si tratta di una vacanza molto particolare.

Poi c’è l’altro canale: quello non legato alla stagionalità ma che può essere offerto anche nelle stagioni fredde. Qui il turista stacca decisamente dalla quotidianità e si concede qualche piccolo extra lusso, ad esempio un trattamento termale completo con seduta di massaggi. Questi pacchetti spesso hanno la durata di tre giorni, veri e propri interruttori dello stress: un bagno nei fanghi termali, un massaggio rilassante, e via di ritorno in città. In altri casi l’interruttore è ancora più breve: una seduta di massaggi a settimana per sgranchire i muscoli, eliminare lo stress.

Siamo di fronte ad attività che richiedono personale: chi abita al sud, ad esempio, può pensare di frequentare un corso per diventare massaggiatore (ad esempio, Diabasi ® ne organizza a Catania, in Sicilia) e poi investire la propria formazione acquisita nel campo del turismo (il massaggiatore qualificato è richiesto tanto nei centri benessere, quanto a bordo di una nave crociera). Questo comunque è solo un esempio del fatto che ci si può industriare con pazienza, anche se spesso questo lavoro può sembrare un ripiego soprattutto rispetto al percorso di studi fatto. Un buon massaggiatore deve avere doti psicologiche, saper trattare con tutti i pazienti e non aspettarsi di fare un lavoro piacevole o privo di imbarazzi. Ma con la professionalità si impara anche a districarsi nelle situazioni più complicate.

L’area del benessere insomma è un settore da guardare con la lente di ingrandimento, cercando di capire quali sono i trend. È vero che un massaggiatore o una estetista alle prime armi debbano trovare il modo di inserirsi nei mercati e che la quantificazione dell’offerta economica dipenda anche dallo stato generale dell’economia, ma è una classica situazione nella quale o si trova lavoro presso una struttura o un’azienda, oppure ci si può lanciare con la propria partita IVA.

Cos’è uno scovolo e come si utilizza

Che cos'è uno scovolo e come si usa

Forse il nome non vi dirà nulla, ma non appena riconosciuta la forma saprete subito a cosa serve. Lo scovolo è un oggetto dalla forma cilindrica, con un’impugnatura ed una parte formata da setole di metallo o acciaio generalmente, impiegate per la pulizia di termosifoni, di canne fumarie, stufe a pellet o altri oggetti dalla forma allungata che sarebbe impossibile pulire senza l’ausilio di questo simpatico strumento casalingo. La pulizia di un termosifone o delle caffè fumarie è molto complessa, se si punta ad una pulizia totale e lo scovolino è necessario per rimuovere sporco e polvere. Purtroppo sia per quanto riguarda i termosifoni che per quanto riguarda le canne fumarie, l’accumulo di sporco può essere molto dannoso, perché può impedire la fuoriuscita del calore e quindi diminuire la capacità di riscaldare gli ambienti. 

Una pulizia a tutto tondo

Gli scovolo o spazzole per termosifoni si utilizzano davvero in maniera semplice e veloce, ma che vedrete, sarà super efficace; basta inserire lo scovolo tra i tubi del termosifone o nella canna fumaria e muoverlo su e giù per eliminare tutto lo sporco e la polvere accumulati. Spesso gli scovoli sono dotati di manici estensibili e regolabili, per arrivare fino in fondo ai tubi. Cliccando sul sito www.scovolone.it avrete la possibilità di acquistare diversi tipi di spazzole per termosifoni e canne fumarie di ogni tipo e forma. Le setole sono tutte realizzate in polipropilene o nylon in acciaio per un efficacia senza pari. Gli scovoli possono essere piegati in ogni direzione e torneranno sempre allo stato originario, poiché progettati per resistere ad ogni movimento. Prima di impiegare lo scovolo consigliamo di eliminare la polvere in eccesso, con un’aspirapolvere per esempio, procedendo poi con lo scovolo per assicurarvi di aver eliminato ogni traccia di sporco dai vostri termosifoni, che torneranno ad essere splendenti e a riscaldare casa come se fossero nuovi di zecca. Dopo aver utilizzato lo scovolo vi basterà sciacquarlo sotto il getto di acqua corrente, magari con uno sgrassante che vi aiuterà a togliere tutto lo sporco tra le setole. Potrete farlo asciugare in maniera naturale, poiché è realizzato con materiali che non arrugginiscono.

Termosifoni, caminetti, stufe a pellet, tubi

Con il vostro scovolo alla mano potrete pulire non solo termosifoni ma anche stufe e tubi di ogni sorta. Sul sito potrete trovare anche dei kit assemblati per la pulizia di stufe a pellet, prolunghe in acciaio, scovoli per caldaia di diverse misure e tipologie. Lo scovolo farà tornare i vostri termosifoni al loro stadio primario e riscalderanno proprio come facevano un tempo. Inoltre lo scovolo si presta bene anche per altre pulizie casalinghe difficili come tubature, tubi, strumenti dalla forma allungata che altrimenti non potreste pulire al meglio. Gli scovoli presenti sul sito sono realizzati in acciaio anodizzato che è capace di proteggere l’acciaio stesso dalla corrosione, grazie ad alcuni trattamenti specifici. Lo scovolo vi permetterà di usufruire nuovamente dei vostri termosifoni e di pulire tutti gli oggetti dalla forma tubolare che vi ritrovare in casa.

Come impiegare il tempo in treno

Come impiegare il tempo sul treno

Viaggiare in treno, che sia per motivi di lavoro oppure per piacere, è sicuramente comodo e conveniente. Poltrone ampie, carrozze pulite, confort di ogni tipo a disposizione, distanze relativamente ridotte grazie all’ingresso dell’alta velocità che ormai collega il bel paese da nord a sud. Chi decide di viaggiare in treno lo fa sostanzialmente perchè conviene economicamente di più rispetto al viaggio in aereo e perchè conviene proprio in termini pratici. Nella maggior parte delle città italiane, infatti, le stazioni centrali sono collocate appunto ‘al centro’ delle città e per i viaggiatori risulta particolarmente comodo scendere dal treno e ritrovarsi a pochi passi dalla meta di destinazione; cosa che non sempre accade quando si sceglie di viaggiare con il treno, banche perchè gli aeroporti sono naturalmente collocati a distanze sostenute dal centro, costringendo i viaggiatori a prendere ulteriori mezzi di trasporto prima di raggiungere la loro destinazione.

Quel che è certo è che un viaggio in treno dura sempre più di quello in aereo e, a volte, impiegare il tempo risulta particolarmente complesso. Ecco perchè in questo post vi daremo qualche suggerimento per trascorrere piacevolmente il tempo durante il vostro viaggio in treno.

Quello che potete o non potete fare in treno, dipende sicuramente dalle condizioni del vostro viaggio: viaggiate da soli o in compagnia? Di notte o di giorno? In base a queste variabili, cambiano anche le attività che potrete svolgere in treno.

Innanzitutto è importante munirvi di una serie di possibili intrattenimenti: lettore mp3 per ascoltare la musica, libri, ipad, computer portatile ma anche giochi da tavola tascabili o un semplice cruciverba. Prima di salire a bordo, non dimenticate di portare con voi qualcosa da bere da mangiare. Fare un piccolo spuntino a bordo, vi aiuterà non solo a passare il tempo ma anche a sentirvi bene durante il viaggio. Ovviamente, quello che potrete fare durante il viaggio in treno dipende anche dalle vostre passioni. Se vi piace la musica, prima di partire dovrete ricordarvi del lettore mp3 oppure, se siete dei lavoratori e smanettoni incalliti, potrete accompagnarvi con smartphone e tablet.

Ovviamente, in ogni caso sarà importante caricare le batterie dei dispositivi a lungo prima di partire, in modo da non correre il rischio di ritrovarseli scarichi al momento opportuno. Se viaggiate sulle linee dell’alta velocità; nessun problema. A bordo, accanto ad ogni sedile, troverete uno spinotto a cui legare il caricabatterie di vostro interesse. Va detto, in effetti, che i moderni treni dell’alta velocità offrono un’esperienza di viaggio altamente confortevole, che si tratti di viaggi di lavoro o di piacere.

Se la tecnologia non è il vostro forte oppure se volete approfittare del vostro viaggio proprio per staccarvi dagli apparecchi tecnologici; allora, la soluzione ideale per impiegare il vostro tempo in viaggio è quella di munirvi di un buon libro o semplicemente di un gioco in scatola. In ogni caso se sarete capaci di scegliere l’intrattenimento giusto, il vostro viaggio in treno volerà via in un batter d’occhio e arriverete a destinazione più spensierati e rilassati.

Scatoline portaconfetti originali in stile shabby chic

Scatoline portaconfetti in stile shabby chic

Capita spesso, durante la celebrazione di un evento eccezionale e speciale per noi, come la nascita di un bambino, un matrimonio, ma anche una laurea, che ci si occupi di alcune cose reputate meno importanti per ultime. Questo capita spesso con le bomboniere e si finisce sempre con lo scegliere qualcosa che non ci convince fino in fondo, ma che scegliamo comunque per mancanza di tempo. Ormai le risorse di internet sono infinite, e possiamo avere le nostre bomboniere in pochi e semplici click. Quelle che vi consigliamo non sono semplici bomboniere, ma scatoline portaconfetti davvero originali e creative.

Come vengono realizzate le scatoline portaconfetti

Sono realizzate in stile shabby chic, lo stile che continua a piacere sempre più, che riesce a coniugare un certo sapore antico col gusto moderno, creando dei pezzi davvero originali. Generalmente lo shabby chic trova la sua espressione nei complementi d’arredo, ma negli ultimi tempi sta trovando espressione in molti altri oggetti, come per esempio le scatoline portaconfetti che stiamo per presentarvi. Si tratta di scatoline da poter utilizzare come bomboniere per ogni occasione speciale e potrete trovarle ed acquistarle all’indirizzo www.ilmondodellescatole.it. Ogni occasione speciale ha bisogno di una bomboniera speciale. Le scatole portaconfetti sono realizzate in pieno stile shabby chic, potrete acquistarne sia in tinta unita con un assortimento di colori molto vario: dal beige al rosa cipria, dal verde acqua alla carta da zucchero e poi ci sono le fantasie. Stampe a fiori, con foglie, frecce, farfalle, quadretti e ancora una grandissima varietà tra cui poter scegliere quello che più si adatta alla vostra ricorrenza speciale. Tutte le scatoline portaconfetti saranno realizzate in cartoncino da 190 g/m2 e potrete richiederli sia in versione scatolina milk, ovvero un simpatico brick da latte, che potrebbe benissimo essere utilizzato come bomboniera per la nascita di un bimbo o un battesimo. Oppure la scatolina shabby chic tipica, quadrata con coperchio. Inoltre, potrete anche continuare a personalizzare le vostre scatoline con fiocchi a tinta unica o con delle fantasie oppure ancora con delle decorazioni realizzate in feltro in varie forme.

Non solo eventi in grande

Non appena vedrete le scatoline, inizierete a volerle utilizzare per tutto ed è un’occasione per rendere ogni evento speciale. Chi l’ha detto che bisogna celebrare solo gli eventi importanti? Se vi piace sperimentare potrete utilizzarle anche per un compleanno ad esempio o per festeggiare l’inizio di un nuovo lavoro. È un’occasione per creare occasioni speciali e viverle in maniera intensa con i vostri amici o i vostri parenti o con chiunque vorrete. È questo il lato bello della creatività, ma per capire meglio il risultato finale delle scatoline portaconfetti vi consigliamo di fare una capatina sul sito che vi abbiamo linkato sopra e considerare anche le varie fantasie, i colori e le forme. Fatevi ispirare da ciò che vi rispecchia di più e che rispecchia di più il vostro modo di fare festa e di festeggiare un evento importante della vostra vita con le persone che più vi vogliono bene.

Dodge: stile e linee americane

dodge

Dodge è un brand di automobili leggeri e pesanti statunitense, fondato nel 1914 dai fratelli Dodge. La casa automobilistica in questione si è da sempre contraddistinta per la produzione di auto e mezzi massicci come i camion che si impegnarono a realizzare per l’esercito statunitense durante la prima guerra mondiale. Anche oggi la Dodge si afferma come una delle migliori case automobilistiche, ma non si parla certo di piccole utilitarie. Sono tutte auto che non passano inosservate per la loro mole massiccia e per le altissime prestazioni, oltre ad uno stile molto personale e riconoscibile ai più.

Auto possenti, massicce e forti

Come dicevamo sono auto che non passano inosservate, come la Dodge Nitro 2.8 CRD SXT 4WD Automatica. Un’auto che non passa inosservata perché pesa quasi due tonnellate e per le forme e linee spigolose e la fiancata verticale, che la colloca direttamente nella grande famiglia delle SUV americane. È massiccia ed è stata realizzata sul prototipo della Cherokee. Il motore che monta è un 2.8 a quattro cilindri da 177 cavalli, con una ripresa pronta e un’ottima accelerazione, nonostante la stazza ed il peso in tonnellate del veicolo. La leva del cambio automatico permette di selezionare le marce manualmente, sfruttando così la modalità sequenziale. Le stesse forme squadrate che troviamo all’esterno, caratterizzano anche gli interni, dove lo spazio abbonda e la posizione rialzata dei sedili, trasmette ai passeggeri un senso d sicurezza e comodità allo stesso tempo. Anche i sedili anteriori sono comodi e hanno regolazioni manuali ed elettriche. Il bagagliaio, come sospetterete è di un’ampiezza adeguata all’auto, quindi molto spazioso e capace di contenere anche gli oggetti più ingombranti, anche grazie al sistema “Load ‘n go”, ovvero un ripiano che scorre longitudinalmente, lungo 46 cm e che può reggere fino a 181 chilogrammi di peso. Inoltre, ribaltando il divano in avanti e lo schienale del sedile anteriore destro, è possibile caricare in auto, oggetti lunghi fino a 268 cm. Su strade e autostrade si comporta molto bene e l’abbondanza di spazio la rende anche adatta a lunghi viaggi anche a pieno carico, infatti anche a 130 km/h il motore non si fa sentire quasi per nulla. Insomma, per chi vuole viaggiare in completa comodità è l’ideale ed è anche molto versatile.

Qualche consiglio sulla manutenzione

Lo scatto vivace e vigoroso del motore e l’ottima ripresa ne fanno uno dei modelli di punta della casa automobilistica. Casa che non ha certo bisogno di presentazioni, ma per chi volesse approfondire i siti da poter consultare a riguardo sono molti, come Tuttiautoprezzi.it oppure anche il sito ufficiale del brand, dodge.com, dove troverete contenuti approfonditi sul brand e sui vari modelli di auto. Vi raccomandiamo il primo, in particolare, per i pezzi di ricambio. Sappiamo tutti che si tratta di auto di grandissima qualità, ma è inevitabile dover ricorrere prima o poi a delle sostituzioni; in quel caso vi consigliamo di acquistare solo prodotti e pezzi di ricambio originali, che troverete su motordoctor. Scegliere i pezzi di ricambio è una garanzia.

L’eleganza e la sportività in un unico nome

beretta abbigliamento sportivo da uomo

L’eleganza e la sportività si fondono in un unico stile. Quale? Lo stile british, ovviamente!

I gentleman inglesi sono celebri in tutto il mondo per il loro stile sempre alla moda ed ordinato, composto da accessori capi di abbigliamento da caccia eleganti, ma al contempo comodi e pratici, da indossare sia durante la vita cittadina che durante le sessioni sportive fuoriporta. Per avere un’idea dell’abbigliamento sportivo all’inglese, basta pensare ai membri della famiglia reale: anche quando sono lontani da palazzo, gli uomini della famiglia Windsor sono sempre composti, sofisticati e allo stesso momento comodi e perfettamente a loro agio.

La comodità, dopotutto, è un fattore chiave nell’abbigliamento, soprattutto quando si desidera vestirsi per praticare qualche sport open-air.

Come coniugare eleganza e sportività?

La risposta è più semplice di quanto si possa pensare! Il segreto per essere sempre eleganti, anche quando si pratica sport outdoor, è quello di scegliere capi d’abbigliamento sportivo ispirati allo stile inglese, dalle linee morbide e semplici e dalla comodità innata.

Ma come scegliere capi che riescano ad essere eleganti ma allo stesso tempo comodi e funzionali? Innanzitutto, è necessario curare il proprio look e studiarlo nel minimo dettaglio.  Prima di effettuare una scelta, infatti, andrà valutato il design dei capi: se si desidera costruire un sofisticato look in stile britannico, è indispensabile scegliere indumenti che seguono le linee del corpo, senza però costringerne i movimenti.

In secondo luogo, andrà valutata bene la scelta cromatica. I colori simbolo dell’eleganza sportiva sono infatti quelli ispirati alle campagne e, più in particolare, alla brughiera inglese. Quali sono le tonalità giuste? Il marrone e tutte le sue sfumature, il tortora, il denim, ma anche il verde scuro ed il verde inglese. Chi ama le fantasie può inoltre optare per motivi tipo il tartan oppure il tweed, tipici proprio dello stile sportivo Made in Britain. Anche i tessuti hanno un particolare rilievo quando si parla di abbigliamento sportivo elegante: è importante scegliere un materiale che sia resistente, facile da lavare e che sia in grado di proteggere il corpo da freddo ed intemperie. Tra questi, spiccano la lana, il cotone, il cashmere, ma anche il denim e la flanella.

Quali sono i capi che uniscono sportività ed eleganza?

Chi trascorre ore ed ore all’aria aperta ha bisogno di indumenti che non sacrifichino la comodità, che non impediscano i movimenti, e che proteggono il corpo dal freddo.

Il primo elemento must-have è la giacca: dovrà essere calda, impermeabile, dotata di tasche e dovrà avere linee fini ed eleganti. A questo proposito, si prestano bene le giacche da caccia: hanno linee che seguono la silhouette, ma che lasciano il corpo libero di muoversi e sono realizzate in materiali altamente tecnologici. Cosa indossare sotto la giacca? Ovviamente, la camicia! Pratica e leggera, la camicia può essere la soluzione ideale quando si vuole trascorrere del tempo all’aria aperta senza trascurare l’eleganza. I materiali però dovranno essere forti e spessi, per evitare che si strappi per via di qualche movimento brusco: preferire quindi il cotone oppure la flanella.

E i pantaloni? Andrà benissimo un modello in fustagno, tessuto spesso e facile da lavare, oppure in denim. Cercare di evitare di scegliere modelli troppo ampi o troppo stretti: un buon capo d’abbigliamento sportivo deve accompagnare i movimenti, non impedirli! Non dimenticare di scegliere con cura le scarpe: scegli un modello appositamente pensato per trascorrere le giornate all’aria aperta in quanto questi sono dotati di punta e tacco rinforzato. Tra i modelli tipicamente british style, ci sono le scarpe trekking da uomo oppure gli scarponi da caccia modello “stivaletto”. In alternativa, è possibile optare per un bel paio di stivali da uomo da pioggia.

Dove trovare gli abiti e gli accessori british style?

Produrre abiti ed accessori di classe da usare anche durante le sessioni sportive non è solo una prerogativa dei marchi inglesi. Beretta, brand Made in Italy, propone un vasto catalogo di abbigliamento ed accessori per sportivi che abbracciano lo stile e l’eleganza inglese, ma che al contempo garantiscono quel tocco casual tipico della moda italiana.

Un tocco creativo per le tue foto

Book fotografico Cewe

Essere creativi, quando si parla di fotografie, risulta essere sempre piacevole e sicuramente tu, che sei una persona che ama alla follia questo concetto, sicuramente farà il possibile per poter riuscire a rendere uniche le foto che riesci a scattare. Ecco per te qualche consiglio che ti permetterà di essere maggiormente creativo e che ti permetterà di realizzare delle foto stupefacenti in grado di soddisfare la tua voglia di essere originale al cento per cento.

La creatività prima dello scatto

Fermati un attimo a pensare ad un fatto molto importante: quante volte ti sei accorto che, molte delle tue foto, sono simili tra di loro e prive di quell’elemento che ti permette di essere soddisfatto al cento per cento del lavoro che hai svolto? Ora concentrati e dimentica, almeno per un attimo, il tuo stile di fotografare e pensa in grande: inizia a riflettere su cosa manca alla tua foto ed allo stile che padroneggi per poter creare dei veri e propri capolavori che potranno essere immortalati per tanto tempo.

Devi essere in grado di analizzare tale situazione con un occhio critico e lasciare spazio alla tua voglia di essere originale: uno scatto con un’inquadratura differente o con un nuovo soggetto rappresentano dei piccoli cambiamenti che, effettivamente, ti permettono di essere per davvero originale e dare quel tocco creativo alle tue foto. Adotta un filtro differente prima di scattare oppure aziona una delle funzioni del tuo sistema che utilizzi per scattare una foto.

Procedendo con queste piccole modifiche sarai sicuro del fatto che, le tue foto, saranno maggiormente creative rispetto al passato. E questo senza dover intervenire su di esse una volta che, la foto stessa, è stata realizzata col tuo dispositivo.

La foto ed il ritocco

Ovviamente nessuno ti vieta di utilizzare quello strumento che ti consente di poter dare un ulteriore tocco di originalità alla tua foto. Anche in questo caso, però, cerca di essere originale al cento per cento, in maniera tale che per te sarà possibile poter riuscire ad ottenere un grandissimo successo. Devi solo ed esclusivamente scegliere quegli elementi che risultano essere utili per rendere originale e piacevole la tua foto. Solo riflettendo su come potrai modificare la foto, sarai in grado di riuscire ad essere in grado di rendere quella foto migliore sotto ogni punto di vista.
Adottando questi particolari accorgimenti tecnici sarai in grado di ottenere un successo incredibile. E ricordati: la creatività risulta essere sinonimo di semplicità, cosa che troppo spesso viene scordata. Anche un semplice contrasto aggiuntivo oppure una didascalia saranno in grado di offrirti questo particolare tipo di risultato, ovvero mutare completamente la tua foto, senza che vi possano essere delle conseguenze che risultano essere tutt’altro che piacevoli.

La creatività intesa come stampa

La stampa di una foto potrà essere un grandissimo strumento che, effettivamente, ti permette di essere originale. Ma come, ti starai chiedendo, posso riuscire ad essere creativo sfruttando la stampa di una foto? Semplicemente cercando di utilizzare dei supporti che risultano essere differenti da quelli classici: ad esempio, invece della classica foto singola, potrai creare un quadro fotografico, stampato su una tela resistente, che ti permette di poter essere appunto creativo al cento per cento. Si tratta quindi di un elemento che ti consente di poter riuscire ad apprezzare maggiormente la tua foto, anche se si tratta di una sola.

Ma ricordati che potrai sfruttare anche tantissimi altri metodi che ti permettono di poter dare quel tocco di creatività alle tue foto, come ad esempio una cornice con tantissime foto, oppure un book fotografico delle tue vacanze, trascorse con le persone a te care.
Ti basta solo effettuare una scelta della quale poi non ti pentirai assolutamente: riuscendo a comprendere cosa intendi tu per creatività fotografica, potrai essere in grado di poter raggiungere tale obiettivo in tempi che risultano essere effettivamente brevi.

Per la stampa, invece, affidati ad un sito classico che risulta essere sinonimo di sicurezza, come lo è CEWE, che ti permette di poter effettuare le stampe uniche in lassi di tempo immediati.
Coi tre codici promozionali 10CEWE16, ovvero sconto di dieci euro, 30CEWE16 per sconto di trenta euro su totale di centocinquanta e SHIPCEWE16 per spedizioni gratis validi fino al 31.12.16, potrai essere in grado di essere creativo nella realizzazione delle tue foto.

Speed Queen: l’azienda che si prende cura delle donne

speed queen e le donne

In un mondo in cui tutti cercano di primeggiare a scapito di qualcun altro, Speed ​​Queen non solo riveste una posizione di rilievo per la qualità dei suoi prodotti e servizi ma gioca un ruolo attivo nella promozione delle pari opportunità tra uomini e donne.

WomenCertified Inc. è un’organizzazione dalla parte delle donne ed è la più grande d’America. Grazie ai loro consigli e alle loro battaglie, questa organizzazione mantiene informate le donne e le aiuta ad acquisire un metodo che sia più responsabile per l’acquisto di prodotti.

A questo proposito potrete visionare il seguente video: https://www.youtube.com/watch?v=ftXZkyJ-djk

Speed ​​Queen, anche quest’anno, si afferma come marchio più raccomandato dalle donne, nel campo delle lavanderie self-service. “Il programma The Women’s Choice Award lavora per aumentare la consapevolezza tra i consumatori su quali marchi siano i più raccomandati e i più amati dalle donne “, dice Delia Passi, CEO e fondatore di WomenCertified Inc. “Portando il sigillo Women Choice Award, le aziende come la Speed ​​Queen dichiarano il loro impegno per fornire alle donne degli strumenti che permetteranno loro di fare degli acquisti intelligenti.”

La fondatrice di WomenCertified Inc. ha anche aggiunto che: “Siamo lieti onorare Speed ​​Queen per l’impegno che pone nella ricerca dell’eccellenza, un impegno che viene riconosciuto dalle donne a livello nazionale “. L’80% delle consumatrici donne, ricerca e fa confronti molto più degli uomini, quando si tratta di fare un acquisto. È per questo motivo che le donne sono più fedeli ai marchi che soddisfano le loro necessità, che è proprio il motivo per cui scelgono Speed Queen. Per maggiori informazioni si veda: http://speedqueeninvestor.com/it/speed-queen-piu-consigliato-donne-americane

tornando a Speed Queen

Le lavatrici create da Speed ​​Queen sono anche sempre state i macchinari scelti per le lavanderie self-service in tutto il mondo. Rinomati per la loro durata quasi leggendaria e per le prestazioni professionali, le lavatrici e le asciugatrici Speed ​​Queen sono disponibili presso tutti i punti vendita specializzati che sono presenti in moltissimi Paesi. Dal 2014 il marchio ha sviluppato in tutto il mondo un concetto chiavi in ​​mano: lo Speed Queen Concept Store.

Si tratta di una filosofia a prova di recessione, che offre una serie di vantaggi, tra cui: l’assenza di diritti d’entrata e royalties, un investimento iniziale alla portata di un gran numero di investitori, con un immediato ritorno, e quasi sempre senza l’onere di pagare e gestire dipendenti.

Speed Queen non è solo il marchio di punta di Alliance Laundry Systems, ma anche il più grande produttore di attrezzature di lavanderie self-service in tutto il mondo, con più di 100 anni di esperienza e di successo e continua ad avere successo in ogni parte del mondo.

La fusione tra la comodità italiana e lo stile british

beretta abbigliamento sportivo da uomo

Lo stile inglese da campagna, conosciuto anche come “countryside style” è un modo di vestire che consente di sentirsi sempre curati e alla moda, senza mai trascurare comodità e funzionalità.

Questo stile, proprio come suggerisce il nome, nasce infatti nelle brughiere inglesi quando i gentiluomini di un tempo partecipavano alle battute di caccia. È costituito da capi d’abbigliamento sportivo da uomo eleganti e sofisticati, ma al contempo comodi e funzionali, adatti per essere sfoggiati durante le giornate trascorse all’aria aperta.

Countryside stile: quando l’abbigliamento sportivo diventa elegante

Lo stile sportivo all’inglese, il “countryside style”, è stato creato proprio per consentire a chi lo indossa di praticare attività sportive outdoor in tutta comodità, sfoggiando contemporaneamente abiti raffinati, per un look tanto sportivo quanto elegante.

Manifesto di questa moda sono i reali inglesi, da sempre amanti degli sport all’aria aperta e dello stile countryside. In queste occasioni, infatti i gentleman della famiglia Windsor sfoggiano abiti d’abbigliamento sportivo da uomo appositamente creati per divertirsi praticando attività all’aria aperta, senza mai mancare di compostezza e charme.

Nonostante l’eleganza sportiva sia una caratteristica che da sempre accomuna gli uomini della famiglia reale, questo non vuol dire che lo stile inglese non sia accessibile a tutti, anche agli sportivi italiani che ci tengono al proprio look.

Ricreare una mise degna di un gentleman britannico è infatti molto semplice: basta scegliere i capi d’abbigliamento sportivo da uomo giusti per ricostruire in modo pratico e veloce un elegante look inglese, da sfoggiare durante le escursioni in campagna, ma anche in città.

Stile inglese: cosa scegliere?

Costruire un perfetto guardaroba in stile english non è impossibile, anzi: basterà selezionare con attenzione i capi di abbigliamento sportivo da uomo da indossare, scegliendo solo abiti che siano pratici e comodi, ma al contempo che abbiano un design curato, elegante e raffinato.

Prima di tutto, il primo passo per costruire un look da perfetto gentleman di campagna è quello di scegliere una camicia dall’allure casual e dal tessuto resistente, come cotone o flanella. I colori che si dovranno preferire sono quelli scuri, come il marrone, il blu, il beige, il nero e il verde militare, ma andrà benissimo anche la fantasia scozzese, motivo tipico dello stile country Made in Britain.

Cosa abbinare alla camicia? La risposta giusta è il pullover, capo dal fascino senza tempo, ideale da sfoggiare non solo durante le escursioni in campagna, ma anche in qualunque altra occasione, anche quella più modaiola. Quando si sceglie di abbinare il pullover alla camicia c’è però un’importante raccomandazione da tenere a mente: i colori dei capi dovranno essere abbinabili tra loro!

Coloro che, fino ad oggi, durante le loro avventure in mezzo ai boschi hanno sempre indossato pantaloni dismessi taglia extralarge dovranno tornare sui loro passi, se voglio ottenere un perfetto stile british. I pantaloni, da preferire in materiali spessi come il fustagno o il cotone foderato, dovranno seguire le linee del fisico dello sportivo che lo indossa, in modo da permettergli di muoversi in libertà mantenendo sempre un occhio di riguardo per lo stile.

Tra gli elementi da scegliere quando si cercano dei capi d’abbigliamento sportivo da uomo in stile inglese, ci sono le giacche sportive, fondamentali alleate di ogni uomo che ama praticare sport in mezzo al verde. Scegliere capi dalle linee essenziali e leggermente avvitate ed assicurarsi che siano realizzati con materiali innovativi ed impermeabili, che possano resistere ad ogni condizione climatica.

Per quanto riguarda le scarpe, la scelta è vasta: si può optare per un paio di scarponi da caccia oppure di scarpe da trekking da uomo. Per completare il look all’inglese, le scarpe dovranno però essere modello “stivaletto”, proprio come quelle scelte dai gentleman britannici della famiglia reale.

Questi erano i capi simbolo dello stile inglese sportivo, ma basta fare un giro sul web per scoprire molti altri abbinamenti, altrettanto comodi e chic. È possibile quindi divertirsi ad abbinare tra loro anche capi d’abbigliamento sportivo differenti, da indossare anche in città.

Sull’e-commerce del marchio italiano Beretta sono disponibili molteplici abiti ed accessori da caccia dal design fedele alla tradizione inglese, tutti comodi e realizzati con materiali pregiati Made in Italy.

I viaggi nel tempo sono possibili?

viaggiare nel tempo

La teoria della relatività generale formulata da Einstein cent’anni fa ammette la possibilità dei viaggi nel tempo, un traguardo che l’uomo sogna da sempre. Secondo la maggior parte degli scienziati di oggi, però, indietro non si torna: si può solo correre avanti.

Che cos’è il tempo?

Prima di tutto, scienziati e filosofi che da anni si interrogano in proposito, si sono posti una domanda: dove si trovano di preciso passato e futuro? Di certo il primo è scomparso mentre il secondo non esiste ancora. Ma allora, come raggiungere questi mondi inafferrabili? Dobbiamo al grande Albert Einstein l’intuizione che tempo e spazio sono una cosa sola e si influenzano reciprocamente. Secondo la teoria della relatività ristretta, il tempo in realtà è funzione della velocità: più andiamo avanti veloci più scorre lentamente.

Per verificarlo, nel 1971 si è provato a confrontare due orologi ad altissima precisione, facendone volare uno su un aereo e tenendo l’altro a terra. Si è così avuta la conferma che il primo era più lento del secondo, seppure di una quantità infinitesimale. Le implicazioni di questo fatto sono straordinarie. Se un astronauta potesse viaggiare a velocità prossima a quella della luce, potrebbe metterci pochi minuti a raggiungere una distanza che per un osservatore sulla Terra equivarrebbe a diversi anni perchè all’interno dell’astronave il tempo risulterebbe rallentato. Questo significa che, al suo ritorno, si ritroverebbe catapultato in altrettanti anni del futuro, senza invecchiare.

Scorciatoie spaziali

Se andare nel futuro è teoricamente possibile, che dire nei viaggi nel passato? L’impresa dovrebbe essere possibile sulla base della teoria della relatività generale di Einstein. Per lo scienziato, spazio e tempo sono una cosa sola e li si può immaginare come un foglio di gomma nel quale i corpi celesti, a causa della propria massa, producono degli affossamenti. Noi percepiamo questi affossamenti come attrazione gravitazionale, quella forza cioè che chiamiamo peso e ci tiene avvinti alla Terra. Un campo gravitazionale estremamente potente, come quello prodotto da un buco nero in rotazione, potrebbe far ripiegare lo spazio-tempo su se stesso. Questo creerebbe un anello che potrebbe essere utilizzato per viaggiare indietro nel tempo. Se potessimo seguire il percorso di una simile curva chiusa intraprenderemmo un viaggio che si concluderebbe prima del momento in cui l’abbiamo iniziato. Il primo fenomeno in cui ci si imbatterebbe vicino a un buco nero è il cosiddetto buco di tarlo: un cunicolo spazio.temporale capace cli collegare con un breve tratto punti lontanissimi fra loro. Percorrere questa “scorciatoia” equivarrebbe a viaggiare più veloci della luce, ad andare cioè controcorrente e finire nel passato.

Cilindri vorticosi

Ma come fare se non si dispone di un buco nero? Il fisico americano Frank Tipler, che lavora all’Università di New Orleans, ha trovato una possibile soluzione. Secondo una sua interpretazione della relatività generale, ci vorrebbe un cilindro di materia superdensa infinitamente lungo che ruotasse molto velocemente su se stesso. Così facendo, il cilindro si comporterebbe come un vortice spaziale, capace di trascinare con sé qualunque raggio di luce passasse nelle vicinanze, “costringendolo” a seguire una curva chiusa. Secondo i calcoli matematici di Tipler, muovendosi a gran velocità intorno al cilindro in tu i verso si finirebbe nel futuro, muovendosi nel verso opposto si finirebbe nel passato. Tutto ciò è troppo fantastico? Forse. Come sostiene il fisico inglese Paul Davies, «può darsi che non vengano mai scoperti modi semplici di costruire una macchina del tempo. Ma l’idea stessa di visitare il passato costituisce una seria sfida alla nostra comprensione della fisica e questo esperimento mentale è uno dei gradini fondamentali del procedimento scientifico.

È impossibile rivivere il passato

Nel passato non si può tornare: ne è convinto Claudio Conti, direttore dell’Istituto dei sistemi complessi del Consiglio nazionale delle ricerche, che studia il mondo dell’infinitamente piccolo, dove valgono le bizzarre leggi della meccanica quantistica. Un suo recente esperimento, realizzato con il Dipartimento di fisica dell’Università La Sapienza di Roma e con l’Università dell’Aquila, ha infatti dimostrato il principio noto come irreversibilità dei fenomeni per cui una particella, una volta distrutta e sparita, non può più riformarsi. Ciò significa che quanto è avvenuto nel passato non esiste più ed è impossibile riviverlo. A una conclusione simile era giunto anche il fisico inglese Stephen Hawking, che il 28 giugno 2009 aveva deciso di organizzare una grande festa all’Università di Cambridge, con tanto di champagne e un cartello di benvenuto ai viaggiatori del tempo. Aveva anche preparato gli inviti: cartoncini che indicavano le coordinate nel tempo e nello spazio del ricevimento. Ma non li aveva spediti, sperando che qualche loro copia sopravvivesse per anni fino a capitare fra le mani di chi fosse in grado, con qualche macchina del tempo, di tornare nel passato. Non arrivò nessuno. A tutti piacerebbe tornare indietro nel passato per riparare a qualche nostro errore e cambiare il corso del destino. Ma se anche disponessimo di una macchina del tempo, dovremmo confrontarci con un grande problema: quello dei paradossi temporali.

Come risolvere un paradosso

II più noto è il cosiddetto paradosso del nonno: se andando nel passato vi capitasse di provocare un incidente nel quale il vostro nonno rimanesse ucciso prima di aver generato la sua discendenza, voi stessi non sareste più potuti nascere. Ma se non foste mai nati, come avreste potuto provocare la morte del nonno? «E quel tipo di situazione», dice Hawking, «che fa venire il mal di testa ai cosmologi perché viola una legge fondamentale che governa l’universo intero: che le cause precedono gli effetti è mai il contrario. E l’universo farà in modo che paradossi simili non accadano». I modi potrebbero essere due. Nel primo, il viaggiatore nel passato non sarebbe in alcun modo in grado di cambiare gli eventi, potrebbe solo osservarli. Nel secondo, ogni variazione apportata alla storia comporterebbe un’immediata biforcazione nel tempo generando un universo parallelo dove il viaggiatore non esisterebbe più. Ogni ulteriore cambiamento sfocerebbe in altrettanti universi paralleli, ciascuno con una sua storia indipendente.