Saturday, 24/6/2017 | 1:46 UTC+2
Consobiomed

Combattere l’acne con rimedi naturali

Come combattere l'acne con rimedi naturali

L’acne può essere curata con i rimedi naturali, grazie all’azione di sostanze disinfettanti, purificanti e coloretiche che eliminano i disturbi che la provocano. Particolarmente efficaci sono le maschere di argilla, le creme alla bardana e i gel all’aloe.

COMBATTERE L’ACNE CON I RIMEDI NATURALI

Sono numerose le opportunità messe a disposizione dalla fitoterapia per contrastare l’acne e i fattori che la provocano. Se è vero, infatti, che la presenza di acne è direttamente connessa al sebo prodotto, per cui i pori risultano dilatati a causa della pelle grassa e dell’infiammazione delle ghiandole pilosebacee, i rimedi naturali dovranno avere proprietà antisettiche, astringenti, disintossicanti e antiinfiammatorie per ridurre il più possibile le impurità della pelle.
Quale rimedio naturale scegliere
L’acne può avere origine da fattori diversi, per cui sarà compito di uno specialista indicare al paziente il trattamento naturale più appropriato per intervenire sul disturbo che determina la manifestazione acneica, per esempio un disordine epatico, uno squilibrio ormonale o un problema intestinale. Andrò raccomandata una sostanza disinfettante, coloretica e purificante se si desidera ripristinare l’equilibrio intestinale, e una sostanza ad azione follicolino, in caso di disordini ormonali.
L’importanza del fattore psicologico
La causa scatenante dell’acne deve essere rintracciata nella condizione psicologica del paziente: ansie, preoccupazioni e tensioni si ripercuotono a livello delle ghiandole surrenali, la cui reazione si concretizza nell’eccessiva produzione di ormoni come il cortisolo. In questo caso, il rimedio naturale adatto dovrà essere trovato tra quelle sostanze che hanno dei principi attivi che calmano il sistema nervoso e ansiolitici.
Una vasta gamma di prodotti
Elisir, tisane depuratrici, gocce per uso interno, compresse, sciroppi, gel, pomate, creme, maschere o impacchi per un’applicazione locale: sono di tantissimi tipi i rimedi naturali a disposizione per sconfiggere l’acne.
Le creme alla bardana, all’amamelide e al biancospino
Le creme vanno spalmate preferibilmente dopo aver dilatato i pori della pelle, come accade dopo un bagno caldo. Decisamente efficace risulta, per esempio, una crema alla bardana, ritenuta un endocosmetico per la sua capacità di agevolare la fisiologia della pelle grazie all’acido cloregenico e all’inuline, che favorisce la decongestione e la depurazione della cute. Ricca di mucillagini, inoltre, la bardana ha notevoli proprietà lenitive, mentre i poliacetileni potenziano la sua azione antimicrobica e antibatterica. Da non sottovalutare, sono gli unguenti all’amamelide, che ha proprietà cicatrizzanti, vasocostrittrici e antiflogistiche e consente di attenuare le infiammazioni, e al biancospino, il cui fitocomplesso contraddistinto da flavonoidi rappresenta un rimedio eccellente per le infiammazioni tipiche dell’acne.
Aloe e ippocastano
L’attività riepitelizzante è notevole nei gel all’aloe, che agisce come cicatrizzante, rimediando così ai danni che spesso chi è colpito da acne provoca alla propria pelle grattandosi, sfregandosi e dando origine a piccole emorragie e croste. Infine, il fitocomplesso caratterizzato da saponine delle creme all’estratto di ippocastano permette di trattare pelli decongestionate stimolando la funzionalità dei capillari e la microcircolazione. L’utilizzo di una di queste creme permette di chiudere i pori dilatati e creare una sorta di pellicola protettiva sulla pelle, che agisce come barriera nei confronti delle aggressioni esterne e dei batteri.
Prodotti per uso interno
Tra i prodotti a uso interno come compresse o gocce, il rimedio naturale per eccellenza è rappresentato dagli opercoli di tarassaco, che favorisce la depurazione della pelle.
Importanti sono anche i probiotici e i fermenti lattici vivi, che possono rivelarsi utili nella lotta all’acne nel caso in cui questo disturbo sia dovuto a patologie intestinali.
Le maschere di argilla
Direttamente da applicare sulla zona colpita da acne sono, invece, le maschere di argilla, ideali per ripulire la pelle da batteri e tossine. L’argilla, infatti, agisce prelevando direttamente le impurità della pelle e inglobandole, e deve essere mescolata con l’acqua ed eventualmente con un estratto di carciofo, realizzando un impasto solido. L’applicazione del composto deve durare almeno venti minuti, così che l’argilla abbia il tempo di nutrire la pelle con alluminio, magnesio, silicio, calcio e altri oligoelementi, purificandola al contempo. Una volta tolta la maschera, la pelle risulterà decisamente secca: se possibile, dovrà essere nutrita con una crema semigrassa alla calendula.
Gli impacchi con oli essenziali
Altro rimedio naturale per sconfiggere l’acne sono gli impacchi realizzati con oli essenziali: tonificano la pelle e al tempo stesso la disinfettano dalle impurità. Particolarmente apprezzabili sono i risultati ottenuti con oli al limone, all’origano e al timo, ideali per la lotta ai batteri, ma anche all’arancio amaro, alla canfora, al bergamotto, al cedro e al mirto. La modalità di applicazione è semplicissima: è sufficiente diluire poche gocce di olio essenziale in acqua e applicarle con un batuffolo di cotone sulla pelle. In alternativa, è possibile mescolarli direttamente a maschere, creme o oli leggeri.
Comportamenti quotidiani
L’uso di rimedi naturali si rivelerà efficace solo a patto di associarlo con alcuni semplici comportamenti quotidiani indispensabili: evitare di usare creme cosmetiche irritanti, evitare di scoppiare i punti neri perché l’acne potrebbe aumentare, evitare sostanze grasse e evitare di toccare continuamente la zona interessate. I rimedi naturali, invece, si rivelano inefficaci nel caso in cui l’acne sia determinata da un regime alimentare sbilanciato: in questo caso, infatti, sarà opportuno ridurre il consumo di zuccheri e grassi, e aumentare la quantità di acqua assunta ogni giorno. Nel caso in cui l’acne sia dovuta a un’allergia alimentare, non si potrà prescindere dall’eliminazione dell’alimento scatenante.
Il parere del dermatologo
Infine, la scelta di una preparazione erboristica o di qualsiasi altro rimedio naturale deve essere messa in pratica solo dopo aver consultato un dermatologo: a lui, infatti, spetta consigliare al paziente la modalità di cura più appropriata e, quindi, il prodotto più indicato.

-

Pubblica i tuoi commenti

Your email address will not be published. Required fields are marked *