Saturday, 19/8/2017 | 7:12 UTC+2
Consobiomed

Come monitorare il diabete con Freestyle libre

Come monitorare il diabete con Freestyle libre

Da qualche tempo, è entrato in commercio Freestyle libre, il nuovissimo sistema di monitoraggio del diabete. A differenza degli apparecchi usati tradizionalmente, FreestyleLibre non misura il diabete mediante la classica puntura sulla punta del dito, bensì si avvale di un microsensore in grado di prelevare e analizzare il livello di glicemia presente nel sangue semplicemente mediante  un’applicazione sulla parte di dietro del braccio. Nel momento il cui si installa il piccolo sensore, l’apparecchio è in grado di monitorare il diabete per un periodo massimo di 14 giorni.

Misurare il diabete: addio alle micropunture sui polpastrelli

Rispetto al misuratore tradizionale di diabete, probabilmente questo apparecchio potrebbe risultare più fastidioso, ma sicuramente si tratta di un fastidio che vale la pena sopportare. FreestyleLbre, infatti, è in grado di monitorare il livello di glicemia presente nel sangue in diversi momenti della giornata: dopo la colazione, dopo il pranzo, dopo la cena, dopo aver ingerito o meno determinati cibi e bevande. Insomma si tratta di un misuratore decisamente più accurato e preciso che è in grado di aiutare il malato di diabete a regolare la quantità di insulina e se necessario a consultare il medico per eventuali aumenti della dose indicata. Come per gli apparecchi tradizionali, anche il Freestyle Libre è in grado di fornire i dati precisi se utilizzato prima dei pasti principali (si consiglia prima di pranzo e prima di cena) ed è capace di misurare il livello di diabete fino a 6 volte nell’arco delle 24 ore. Per avere un quadro preciso del livello di glicemia, sarebbe opportuno provvedere alla misurazione sia prima che dopo i pasti ma anche prima di mettersi a dormire.

Il grande vantaggio della misurazione con sensore consiste – oltre che nell’accuratezza della misurazione – anche nel fatto che vengono evitate le punture sui polpastrelli che nei abmbini piccoli possono superare anche le trecento in un mese. Anche se le micropunture sono indolori, in realtà possono comunque causare fastidi e danni, possono causare una diminuzione del senso del tatto e possono comunque portare infezioni se la misurazione con il tradizionale apparecchio non viene praticata con la massima igiene possibile. Inoltre, più i bimbi crescono più aumenta il loro disagio verso le micropunture. Secondo studi recenti, infatti, gli adolescenti non controllano il diabete spesso (o per lo meno nelle misurazioni necessarie e prescritte dal medico) proprio perchè considerano fastidiose se non addirittura dolorose le micropunture causate dagli apparecchi tradizionali.

Freestyle Libre è stato pensato proprio per eliminare questo fastidio e – di conseguenza – per indurre i malati di diabete a sottoporsi a maggiori e più frequenti controlli. Nonostante questo apparecchio non sia invasivo ma funzionante per mezzo di un semplice sensore che si lascia passare sul braccio, i medici lo ritengono comunque altamente affidabile.

Come funziona FreestyleLibre

Il sensore che consente a Freestyle Libre di funzionare è grande più o meno quanto una moneta ed è capace di misurare automaticamente il diabete per un periodo di 14 giorni, prelevando i dati sia di notte che di giorno. Per utilizzarlo, è sufficiente avvicinare il sensore al braccio (funziona anche sopra i vestiti) e dopo qualche secondo il valore del diabete comparirà sullo schermo. E’possibile configurare Freestyle Libre secondo le proprie esigenze: mediante un cerotto si può rimanere il sensore attaccato al braccio in modo da misurare ogni tot di tempo il valore del diabete; in ogni caso l’apparecchio rivela sia il livello di diabete catturato al momento della misurazione sia il livello glicemico presente nel sangue nelle otto ore precedenti alla misurazione.

Il parere dell’esperto

Così si è espresso il professor Dario Iafusco, Ricercatore Confermato del Centro Regionale di Diabetologia Pediatrica “G. Stoppoloni” della Seconda Università negli Studi di Napoli, nonché membro del comitato scientifico della nostra rivista, nel corso della Conferenza Stampa di presentazione del nuovo dispositivo Abbott. “FreeStyle Libre non ha bisogno del sangue per poter misurare la glicemia capillare. In realtà misura il livello di glucosio sottocutaneo correlato con la glicemia di 10-15 minuti prima. La freccia di tendenza, inoltre, indica se il valore riscontrato è stabile, in salita o in discesa, permettendo all’utente di ave-re importanti notizie sul riscontro effettuato. Se, ad esempio, il livello di glicemia è 100 mg/dl con una freccia che mira verso l’alto, significa che il livello di glicemia è destinato a salire, mentre se la freccia è rivolta verso il basso in-dica di stare attenti perché, nel frattempo, è possibile il verificarsi di una crisi ipoglicemica. Il FreeStyle Libre è in grado di ricevere i’dati avvicinando il rilevatore al sensore anche al di sopra dei vestiti, con conseguente miglioramento in termini di qualità di vita per il piccolo paziente che, senza alcuna precauzione particolare, può effettuare facilmente il controllo anche a scuola oppure prima, durante o dopo l’attività sportiva, ecc. Il nuovo sistema, infine, mostra non solo la lettura del valore attuale del glucosio ma conserva in memoria anche lo storico delle ultime 8 ore. Se, ad esempio, si effettua un controllo alle 8.00 del mattino, si ha immediatamente il grafico della curva glicemica della notte. Con una rilevazione effettuata ogni 8 ore, quindi, si può avere un’idea dell’andamento glicemico delle 24 ore. Inoltre il sistema permette di scaricare i dati ottenuti sul computer e di calcolare la cosiddetta “emoglobina glicosilata presunta”, cioè l’emoglobina glicosilata che il bambino avrebbe sulla base dei dati analizzati in continuo. Se una persona tenesse il sensore ininterrottamente per 90 giorni, il valore di emoglobina glicosilata calcolato coinciderebbe con quello del laboratorio. A questo punto, non ci re-sta che auspicare che presto tutti i bambini italiani con diabete possano utilizzarlo, anche gratuitamente, attraverso il rimborso da parte del Sistema Sanitario Nazionale”.

Il parere di chi lo ha provato

La piccola R., di 9 anni ha provato il nuovo dispositivo FreeStyle Libre, su suggerimento del diabetologo che l’ha in cura. La bambina si è trovata subito bene, apprezzando l’applicazione indolore e abbandonando finalmente il controllo sui polpastrelli con i fastidi correlati. Anche i suoi genitori hanno apprezzato questo nuovo sistema di monitoraggio della glicemia: “È un ottimo ‘pilota’ per studiare l’andamento continuo della glicemia in relazione all’alimentazione e all’attività quotidiana, nonché uno strumento di facile utilizzo”. Aggiungono inoltre che “Freestyle Libre è una svolta nella gestione del diabete perché, tenendo sotto controllo la glicemia in continuo, senza la necessità di ripetute punture ai polpastrelli, si riescono a mantenere i livelli glicemici nella media”.

-

Pubblica i tuoi commenti

Your email address will not be published. Required fields are marked *