Wednesday, 23/8/2017 | 7:18 UTC+2
Consobiomed

Diritto al rimborso per il ritardo aereo: quando ottenerlo

Diritto per ottenere il rimborso per il ritardo aereo

Imbarco negato o volo cancellato? Queste, e altre cause, possono rappresentare un ostacolo per il proprio volo. In questi casi, le compagnie aeree sono costrette al risarcimento e all’assistenza nei confronti dei “malcapitati” passeggeri. Però, un decreto legislativo italiano con specifiche normative e la Carta dei Diritti del passeggero, scendono in campo a favore e a tutela dei viaggiatori che hanno subito episodi negativi.

La domanda nasce spontanea: se, per qualsiasi ragione, non si riesce a prendere il volo o la compagnia aerea nega determinati servizi, è possibile ottenere il rimborso del volo aereo? Sicuramente questa è la domanda che la maggior parte dei viaggiatori, che frequentemente utilizzano l’aereo per i loro spostamenti, si saranno posti almeno una volta. E’ sufficiente che l’aereo viaggi con qualche ora di ritardo che subito si addossano le colpe alla compagnia aerea che in qualche modo dovrà pur “pagare” per il fastidio arrecato. Ancor peggio se il volo viene cancellato. In teoria, la filosofia di base è abbastanza semplice: se non si può godere di un servizio, il pagamento è illegittimo. Nella pratica, però, il discorso è un po’ diverso in quanto le compagnie aeree cercano sempre “l’escamotage” per impedire il risarcimento, anche nei casi più scontati.

Leggi e codici a tutela dei passeggeri

I viaggiatori possono dormire sogni tranquilli in quanto, anche se le compagnie aeree adoperano comportamenti scorretti e poco rispettosi, ci sono delle normative che regolamentano tutti gli imprevisti per i quali è richiesto il rimborso. I casi sono, principalmente, un ritardo del volo aereo, la cancellazione, una sovraprenotazione oppure una situazione “straordinaria” per cui non possiamo partire. La legge si esprime per tutte queste tipologie, anche se alcuni passaggi non sono molto chiari e, abilmente, le compagnie ne approfittano per “tirare l’acqua al proprio mulino”.

Prestare attenzione quando si acquista un biglietto aereo

La cosa che la maggior parte delle persone sottovaluta è la lettura dell’informativa e delle condizioni contrattuali quando si acquista un biglietto aereo. Ogni compagnia aerea ha un proprio regolamento interno che varia da compagnia a compagnia in cui, nella peggiore delle ipotesi, vi sono incluse anche clausole vessatorie a danno dei passeggeri. Nonostante ci siano strutture competenti, come l’Enac, che espletano un’attività di controllo sulle compagnie e di tutela nei confronti dei viaggiatori, il passeggero può scegliere anche altre soluzioni per ottenere il rimborso del volo aereo. Ad esempio affidarsi ad agenzie serie e professionali, come www.flycare.eu che, con il proprio staff tecnico in materia legale, aiutano gli sfortunati passeggeri ad avere, in tempi rapidi, una compensazione pecuniaria fino a 600 euro a persona.

Flycare diventerà il vostro punto di riferimento fino al buon esito dell’operazione. Fino ad allora il cliente non sarà tenuto a sborsare nessuna somma pecuniaria, anche se pratica non dovesse andare a buon fine. La somma effettiva del risarcimento pattuita verrà direttamente versata dalla compagnia aerea sul conto corrente del diretto interessato, senza riconoscere nessuna tipologia di spesa al team di Flycare. Sarà stesso la compagnia aerea a “saldare i conti” con Flycare.

-

Pubblica i tuoi commenti

Your email address will not be published. Required fields are marked *