Salute

I deficit uditivi: un problema capace di isolarti

Particolari condizioni mediche o il naturale processo di invecchiamento possono provocare la diminuzione dell’udito. I deficit uditivi, più di altre patologie, interferiscono in modo consistente sulla qualità della vita quotidiana perché diminuiscono le nostre capacità relazionali: a lungo andare, una persona che non può ascoltare gli altri affronta un graduale e inesorabile senso di isolamento dal mondo esterno. Le carenze uditive rappresentano quindi un vero e proprio handicap per chi ne soffre.

La comunicazione verbale e la percezione del suono in generale, infatti, veicolano la maggior parte delle informazioni utili alla percezione della realtà che ci circonda, contribuiscono in modo importante allo sviluppo dell’intelletto e – non da ultimo – permettono di intessere relazioni con gli altri. Uno dei principali problemi avvertiti da chi soffre di disturbi all’udito è l’improvviso senso di distanza emotiva dai propri cari. Queste ragioni, unite alla necessità di intervenire tempestivamente alla cura di una patologia che tende a peggiorare con il tempo, devono spingere a rivolgersi ad uno specialista fin dal presentarsi dei primi sintomi.

I sintomi dell’ipoacusia

I deficit uditivi possono essere di vario tipo. L’ipotesi più frequente, normalmente legata al fisiologico invecchiamento degli organi, è detta ipoacusia e consiste in un abbassamento dell’udito. Percepirne i sintomi fin dalle prime manifestazioni non è sempre semplice, perché questi si presentano lentamente e con gradualità, tanto che chi ne soffre non se ne accorge o non percepisce da subito il problema come reale.

Non è raro che la diminuzione dell’udito interessi, all’inizio, solamente suoni di determinate frequenze o che il paziente lamenti di non riuscire a distinguere con precisione l’articolazione delle parole. Conoscere questi sintomi può essere determinante per la diagnosi o l’intervento precoce, perché si tratta di un disturbo che non arresta il suo decorso autonomamente. Se tu o qualcuno dei tuoi cari presenta improvvisamente difficoltà a comprendere conversazioni che avvengono in particolari condizioni – per esempio in strade trafficate o in luoghi affollati – potrebbe essere l’indizio di un deficit uditivo.

L’acufene: un fastidio che non ti abbandona mai

Ronzii, fischi, fruscii, pulsazioni: l’acufene è un disturbo che può assumere tante forme, tutte in grado di compromettere la qualità della vita di chi ne soffre. Questa patologia, detta anche tinnito, provoca infatti la percezione di un suono costante o a intermittenza, che però non proviene da alcuna fonte esterna. Date le sue caratteristiche, si tratta di un problema che debilita il paziente dal punto di vista psicologico: la convivenza con un rumore costante può impedire il riposo e le più semplici attività quotidiane, oltre che turbare la serenità personale e le relazioni affettive.

Rivolgersi a uno specialista, in questi casi, diventa una priorità. Grazie a particolari test audiometrici sarà possibile individuare la natura e la portata del problema e le sue cause. Quando queste non siano riconducibili a particolari patologie, la terapia dell’acufene potrà essere costituita solo da un insieme di attività terapeutiche che aiutino il paziente a sopportare o attenuare il rumore.

Le cause e i rimedi

Quando si parla di deficit uditivi, i rimedi a disposizione variano a seconda della causa del disturbo. Le ragioni più frequenti della perdita dell’udito sono legate alla naturale degenerazione dei tessuti che compongono l’apparato uditivo, ma altri fattori possono intervenire ad accelerarne la comparsa. Lavori o abitudini che espongono a rumori intensi e prolungati, malattie virali o l’assunzione di determinati farmaci sono tra i fattori di rischio più frequenti. Per combattere il problema è necessario, in tutti i casi, rivolgersi allo specialista fin dalla comparsa dei primi campanelli d’allarme.

Sottovalutare la comparsa dei primi sintomi, infatti, è un comportamento molto frequente: molte persone avvertono disagio ad ammettere di avere un problema all’udito. L’apparato uditivo invece, proprio come quello visivo, può presentare patologie che necessitano di correzione immediata. Se soffri di un deficit uditivo o vuoi aiutare uno dei tuoi cari a intraprendere un percorso di cura, tieni presente l’importanza di sottoporsi a un tempestivo esame di controllo. Vi consigliamo di consultare il sito https://www.info-udito.com per prenotare un controllo in un centro vicino a casa tua.

Solo in questo modo, infatti, potrai evitare che il disturbo progredisca e comprometta la tua serenità e le tue relazioni.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*