Friday, 15/12/2017 | 10:17 UTC+1
Consobiomed

Lo psicologo via Skype in Italia

Una delle discipline mediche più interessanti è sicuramente la psicologia. Non tutti sono disposti ad ammetterlo, ma spesso una chiacchierata con uno psicologo aiuta a capire meglio i propri problemi, ad affrontarli con quella giusta dose di attenzione per sé, che spesso ci viene negata dai noi stessi, quando veniamo avvolti da una spirale negativa.

Perché è tanto difficile convincersi che serve andare dallo psicologo? A differenza degli Stati Uniti, dove la figura dello strizzacervelli è fin troppo romanzata e mitizzata, nel nostro paese la psicoterapia e la psicologia sono sempre stati appannaggio delle strutture ospedaliere di base, finendo per considerare “malati” i pazienti per i quali veniva richiesto un consulto psicologico.

Eppure esso è rilevante e può riguardare la vita di tutti i giorni. Recentemente, a causa di un lutto in famiglia, e con la presenza di un minore, è stato necessario ricorrere a uno psicologo per cercare di capire come affrontare l’imminente perdita. Uno psicologo aiuta la persona in difficoltà anzitutto a fare pace con sé stessa e a mediare con le difficoltà della vita.

Molte persone quando invecchiano iniziano a patire i sintomi della depressione, essi incombono anche in presenza di una malattia grave e incurabile, che fa avvertire tutto il senso della caducità della vita. Purtroppo la vita quotidiana è una specie di grande guerra, combattuta su un fronte molto vasto, che talvolta ci costringe a vere e proprio battaglie di sopravvivenza. Uno psicologo è la figura ideale per comprendere questo senso di mortalità di cui spesso ci dimentichiamo, nelle pieghe di una ordinaria giornata. Eppure non riusciamo a fare pace con questo eterno senso di perdita, tanto che ci siamo inventati delle meravigliose religioni che ci promettono la vita eterna, un trapasso quasi glorioso verso un mondo migliore.

La vita poi è amara. Difficilmente si riesce a trascorrere un’esistenza del tutto felice, al riparo dagli eventi sgradevoli. A volte abbiamo la sensazione che essi si accaniscano. Recentemente ho avuto modo di parlare con uno psicologo online su psicohelp.it a proposito di questo e mi ha confermato che ciò dipende dal fatto che non possiamo controllare il nostro destino. Ci sono alcune cose che ci circondano che non desideriamo, ma che accadono per delle combinazioni di fattori. Come può oggi un genitore, serenamente accettare che il proprio figlio muoia all’estero, ucciso da un camion kamikaze? È un fatto che semplicemente non può controllare e con il quale deve venire a patti, in una sorta di rassegnata accettazione. Ci sono vaste porzioni della nostra esistenza che non dipendono da noi e gran parte della nostra insoddisfazione deriva dal fatto di volerle controllare, come se avessimo la possibilità di farlo. In questi frangenti non rimane altra strada che piegarsi, evitando accuratamente di spezzarsi. Uno psicologo online che opera via Skype oggigiorno è facilmente raggiungibile e può dare gli utili consigli del caso, anche se gran parte dipende da come noi vediamo il mondo, come noi intendiamo gestire la nostra vita.

-

Pubblica i tuoi commenti

Your email address will not be published. Required fields are marked *