MeseSettembre 2019

La carta da parati per bambini

Come arredare la cameretta dei bambini con la carta da parati

Volete dare un tocco di allegria alla camera dei vostri bambini ma non sapete come fare? Perché non utilizzate la carta da parati per bambini? Ecco tutti i nostri suggerimenti.

Quando si arreda la camera dei bambini, poche persone pensano che aggiungere una carta da parati può essere un’alternativa valida alla classica pittura. Grazie alle nuove tipologie sul mercato, è possibile tappezzare con carte variopinte ed estrose senza il timore che i bimbi possano rovinare, con i pennarelli colorati, le pareti di casa.

Leggete l’articolo e scoprite come arredare la camera dei bambini con la carta da parati.

CARTE DA PARATI PER BAMBINI: quale scegliere

Una volta stabilito la tipologia di design da dare alla stanza, il passo successivo è la scelta della carta da parati per bambini.

Da tenere sempre a mente che l’ambiente deve essere colorato, pieno di estrosità e fantasia proprio perché è il luogo dove i bambini trascorrono la maggior parte del tempo. Devono sentirsi liberi di giocare e di esprimere la propria creatività.

Quindi, gli elementi che non devono assolutamente mancare in una carta da parati per bambini sono:

  • colori sgargianti;
  • immagini arrotondate;
  • motivi grafici buffi e stilosi;
  • animaletti, palloncini e immagini che ricordano le illustrazioni dei libri.

 

Anche per le carte da parati per bambini, è necessario scegliere quella che più si rifà al vostro stile e al design della casa. Infatti, grazie alle mille varianti in commercio, è possibile scegliere una carta da parati che abbia:

  • uno stile classico con piccoli disegnini e fiorellini;
  • un design moderno con figure geometriche e super colorate;
  • uno stile minimalista con poche figure stilizzate;
  • jungle style per chi ama la flora e la fauna.

Quindi, in base a quello che preferiscono i vostri bambini, scegliete la tipologia di carta da parati.

Inoltre, ci sono carte da parati per bambini che si adatto maggiormente ad uno spazio piuttosto che ad un altro.

Infatti:

  • per la nursery carte da parati delicate con colori teneri dalle nuance morbide e dolci. I colori da preferire sono quelli pastello e polverosi. Come disegni, invece, optate per nuvolette, stelline, goccioline e tutto ciò che più vi intenerisce. Create un ambiente accogliente e rilassante;
  • per la cameretta spazio all’immaginazione e alla creatività Infatti, è proprio per questo ambiente che potete utilizzare le carte da parati per bambini più simpatiche e buffe. Animali, forme geometriche, supereroi, regine e principesse la fanno da padrona. Per le femminucce, preferite tonalità calde ed eteree, come il rosa, il giallino o il grigio. Per i maschietti, invece, optate per colori forti e vivaci come il blu e il verde acido;
  • per la camera di teenager optate per carte da parati moderne, con forme geometriche e che si rifanno alla streat art. Quindi, murales e mappe geografiche arredano questo ambiente.

Un’idea molto carina è applicare la carta da parati da bambini solo sulla parte inferiore della parete. Questo, conferirà alla stanza un aspetto giocoso e simpatico.

E se vi avanzano degli scampoli di carta da parati? Niente paura, utilizzateli per creare con i bambini dei lavoretti creativi come rivestire la casa delle bambole o una cassettiera.

Come funziona la contabilità?

Come funziona la contabilità

Volete capire come funziona la contabilità? L’argomento vi ha sempre affascinato ma non siete mai riusciti a fare chiarezza? Leggete il post e scoprite come funziona la contabilità

Molte persone si chiedono spesso cosa sia la contabilità ma non sanno mai dare una definizione giusta e precisa. Questo perché è un argomento non proprio facile, che può indurre facilmente ad errore. Quindi, è opportuno fare una chiarezza su cosa sia la contabilità.

Scoprite come funziona la contabilità.

Come funziona le contabilità?

La contabilità è quella procedura che permette di registrare le transazioni, di natura economica, per un’attività cioè entrate ed uscite.

Per ogni attività, sono presenti due tipologie di funzioni:

  • commerciale è quella che mette in relazione l’azienda con l’esterno quindi acquisto dei materiali, erogazione dei servizi e vendita dei prodotti. Questa deriva da una funzione ordinaria;
  • industriale, interna all’azienda, e riguarda i processi di lavorazione del prodotto finale. Questa, invece, deriva da una funzione analitica cioè tutto quello che avviene all’interno dell’azienda.

La funzione commerciale, inoltre, si divide a sua volta in:

  • ordinaria che monitora i movimenti economici e finanziari;
  • semplificata per i semplici i movimenti economici quindi acquisti e vendite.

Quindi, per la contabilità ordinaria è richiesta l’annotazione di diversi registri.

Questa procedura è obbligatoria per legge per le attività che:

  • vendano prodotti per introiti superiori ai 700.000 euro;
  • 000 se si tratta di servizi.

Inoltre, questo sistema può essere scelto anche da aziende che rientrerebbero nella contabilità semplificata esercitando un comportamento concludente, cioè presentando tutti i registri previsti dalla normativa per questo regime.

Secondo la legge, la contabilità ordinaria deve essere tenuta da:

  • società a responsabilità limitata;
  • società in accomandita per azioni;
  • società per azioni;
  • società di mutua assicurazione;
  • società cooperative;
  • consorzi, assicurazioni e organizzazioni non riconosciute
  • società e enti senza personalità giuridica non residenti sul territorio italiano;
  • enti pubblici e privati che operano a scopo commerciale residenti in Italia.

Tali imprese sono tenute a tenere i libri contabili: Essi sono:

  • il libro giornale con tutte le transazioni in ordine cronologico per un dato periodo di tempo;
  • i registri IVA, degli acquisti, delle fatture emesse e dei corrispettivi;
  • il libro dei cespiti dove registrare le risorse a lungo termine di cui l’azienda dispone e che sono soggette ad ammortamento, deprezzamento, valutazione e svalutazione;
  • il libro inventari con la lista dei prodotti divisi per tipologia.

La contabilità semplificata, invece, come riportato nell’articolo 18 del Dpr. 600/73, può essere adottata da coloro che, con la propria attività produca ricavi inferiori a 400.000 euro per i servizi e 700.000 euro per i prodotti. Quindi:

  • imprese individuali
  • società di persone

Per la contabilità semplificata, i registri da tenere sempre aggiornati sono:

  • il libro giornale e degli inventari;
  • le scritture ausiliarie che indicano le entrate e uscite che determinano il reddito;
  • le scritture ausiliarie di magazzino per i flussi di merci, materie prime e accessorie;
  • il registro dei beni ammortizzabili.

La contabilità, sia semplificata che ordinaria, ha un ruolo fondamentale per l’attività. Infatti, permette di avere un controllo su tutta la situazione economica dell’azienda e aiuta a stabilire lo “stato di salute” dell’impresa. Questo perché, attraverso tutte le informazioni di natura economica, è possibile stabile se l’azienda è in perdita o meno e quindi, infine, stabilire il valore reale del capitale d’impresa.

Le migliori bevande estive

Con l’arrivo del caldo torrido, la frutta e le sostanze naturali ci aiutano a vivere meglio, sopportando le alte temperature. Ecco quindi una selezione di ottime bevande naturali che ci rinfrescano, ci fanno apparire belli e ci mantengono in salute.

Per non morire di caldo

Le bevande estive sono utilissime per non morire di caldo, ma anche per altro perché altrimenti potremmo sfruttare l’acqua. Ma tutti gli esperti consigliano durante l’alta stagione di non bere solo acqua, ma anche qualcosa che comprenda vitamine e Sali minerali che combattano l’afa, e che non ci rendano spossati.

Certo le bevande estive devono dissetare, ma meglio che siano naturali. Per esempio il latte di mandorla, che si può sorseggiare addolcito per esempio di agave, da preparare a casa con dei panetti di pasta di mandorle.

Oppure il latte d’oro, ovvero il latte di Curcuma, che va molto di moda ma non è solo una semplice operazione commerciale: infatti il latte alla curcuma è una variante vegana se unito al latte di mandorla o di riso. E ovviamente va messo in frigo prima di berlo.

Ma se volete qualcosa di più leggero del latte, ci sono anche bevande semplici, come le acque aromatizzate e ricche di vitamine.

Bevande al limone

La limonata estiva è un’ottima scelta, che non ha nulla da invidiare alla limonata calda che si beve d’inverno. Si fa con dei limoni, acqua e dello zucchero, da inserire a piacere. Si mescola il tutto, si mette in frigo e magari si correda con della menta per un tocco di originalità.

Altre bevande fatte in casa

Se volete risparmiare tempo e denaro, e per scegliere personalmente gli ingredienti e la loro provenienza, allora meglio preparare a casa le vostre bevande estive preferite. Tenetele in frigo un paio di giorni, cambiando colori e sapori.

Così potete evitare di perdere tempo a controllare le etichette e non avrete l’ansia che ci siano coloranti o dosi eccessive di zucchero. Tra le migliori bevande estive faidate c’è quella allo zenzero che tonifica, è buona e aiuta anche la digestione.

Procuratevi dello zenzero fresco, dello zucchero, acqua e limone che aiuta a rendere tutto più dissetante.

Ci sono anche delle bevande estive analcoliche, la più classica delle quali è il the freddo, al limone o alla pesca, ma anche in altre versioni che stanno prendendo piede e che rimangono anche dopo l’estate. Per esempio il the freddo alla menta o agli agrumi, come il pompelmo.

Oppure centrifughe o gli smoothies, che vanno di gran moda e tutti ormai li desiderano. Comunque, al di là della moda, sono bevande estive estremamente dissetanti, nonché ricche di vitamine e Sali minerali. Sono ottime quindi per combattere il caldo e l’afa, permettendo di finire la giornata sempre freschi.

E poi di queste bevande ce ne sono di tutti i tipi, con il latte di mucca o vegetale, senza latte, con verdure come il sedano e le carote, con frutti di bosco o di agrumi, per colore o per tipologia. Non metteteci troppo zucchero e, soprattutto, non dimenticatevi del ghiaccio!